VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Robert Mapplethorpe, Untitled (Patti Smith), 1973. <BR><BR>

Robert Mapplethorpe, Untitled (Patti Smith), 1973

Guarda la gallery

07.07.2009

FOTOGRAFIA
Le Polaroids di Mapplethorpe

La mostra, in programma fino al 13 settembre a Oxford, rivela attraverso 92 scatti gli anni formativi e lo sviluppo della sua identità come fotografo di successo degli anni a venire.                                                                                               VAI ALLA GALLERY

di Elisa Della Barba

VOTA [ 12345 ] (1 voto)
Agli inizi degli anni '70 Robert Mapplethorpe (1946-1989) vive a New York, al leggendario Chelsea Hotel, con l'allora amante - poi amica - Patti Smith, grandissima cantante rock.

È qui che l'attrice Sandy Daley gli presta la sua Polaroid, segnando l'inizio della sperimentazione fotografica. Attirato dall'immediatezza del processo, Mapplethorpe pensa che la fotografia istantanea sia "il mezzo perfetto per gli anni '70 e '80, periodo in cui tutto accade velocemente."

L'entusiasmo dell'attimo artistico non deperisce a causa di giorni di programmazione e lavoro in camera oscura, ma viene fissato in un "quadro" tangibile nel momento stesso in cui viene creato.

Intime nella loro dimensione, queste foto così spontanee contrastano nettamente con le immagini patinate e perfette grazie alle quali diventerà famoso. Si riconosce subito lo sguardo geniale nei 92 scatti, sensuali, dolci, irriverenti. I soggetti che preferisce ritrarre sono i suoi amici e amanti, artisti, attori, socialites, compositori: Helen Marden, Sam Wagstaff, Marianne Faithfull e Patti Smith, ma anche close-up di nature morte che lo affascinano durante gli anni '80.

Non mancano le provocazioni: attirato da sempre dall'erotismo (si ispirava alle pose dei giornali pornografici), in mostra anche l'invito a un suo opening alla Light Gallery in uptown nel 1973. In una busta Tiffany color crema, gli invitati avrebbero trovato un "don't touch here" stampato su busta trasparente contenente una Polaroid-autoritratto che poco lasciava all'immaginazione.

Polaroids: Mapplethorpe
4 Luglio - 13 Settembre 2009
Modern Art Oxford
30 Pembroke Street, Oxford
www.modernartoxford.org.uk

articoli precedenti

aggiungi un commento