VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Ron Arad, Cage sans Frontières, Chalk Farm Road Studio, Big Easy Volume 2. 1988, Oh-Void 2. 2006

Guarda la gallery

28.07.2009

EVENTI
Il MoMa celebra Ron Arad

Il MoMa di NY dedica una mostra al maestro del design per il quale non ci sono regole nella creazione degli oggetti, né limiti alle potenzialità dei materiali. Ma solo idee (geniali)

di Elisa Della Barba

VOTA [ 12345 ] (0 voti)
Ron Arad (Tel Aviv, 1951) è uno dei designer più influenti del nostro tempo, quello che tratta come creta tutti i materiali con cui gioca: l'acciaio, l'alluminio, il bronzo, i cristalli, perfino le fibre ottiche.

Design industriale, architettura, artigianato, scultura, installazioni: Arad ha mischiato le carte e dal cappello ha tirato fuori poltrone in carbon fibra, sedie, scrivanie, lampade e candelabri di LED, inventando forme e strutture che hanno cambiato la storia del design contemporaneo.

Tanto che il MoMA gli dedica la sua prima grande retrospettiva degli Stati Uniti: 140 lavori, inclusi bozzetti, modellini e video.

Non solo designer ma anche architetto, ha progettato la Tel Aviv Opera House (1994-98), lo showroom di Yohji Yamamoto a Tokyo (2003) e l'Holon Design Museum, attualmente in costruzione, che verrà rappresentato da modellini e video.

Dagli strumenti computazionali alla lavorazione dei metalli in laboratorio, sono tanti gli input che danno vita alle creazioni di Arad, progettista e disegnatore. Così tanti che è quasi impossibile catalogare le opere.

La mostra è divisa per forme, materiali, tecniche e idee utilizzate, come la Well Tempered Chair (1986) che ha esplorato le possibilità dell'elasticità: 4 fogli a molla in acciaio tenuti insieme da dadi ad alette per dare l'idea di una poltrona.

Tra le opere esposte anche la serie Volumes (1988) che comprende la famosissima Big Easy (1988) e i pezzi storici che l'hanno reso leggenda, come la Rover Chair (1981), il Concrete Stereo (1983) e la libreria Bookworm, assieme ad altri esperimenti come la lampada PizzaKobra (2008) e la reincarnazione della serie Volumes, con il duo di poltrone Even the Odd Balls? (2009).  

Ron Arad: No Discipline
2 Agosto - 19 Ottobre 2009
MoMA 11 West 53rd Street
New York
www.moma.org

articoli precedenti

aggiungi un commento