VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Civita (@Yuri Kozyrev)


24.09.2009

Con Child Priority, per far sorridere Civita

La storia di una bambina che ha scosso le coscienze dei lettori  di Vanity Fair. Una richiesta di solidarietà che è stata raccolta dalla fondazione Child Priority di Condé Nast. Perché quel grido disperato non cada nel vuoto

VOTA [ 12345 ] (5 voti)
Il 26 agosto scorso Imma Vitelli ha pubblicato su Vanity Fair uno straziante reportage su Civita, una bambina afghana di 11 anni, stuprata a 9 da un militare e minacciata di morte dai signori della guerra di Kabul. Questa drammatica storia ha suscitato la commozione dei lettori che, indignati, hanno chiesto a gran voce come poter aiutare la bambina e quelle che si trovano nella sua stessa situazione.

 L'organizzazione che le segue è una Ong e si chiama Afghanistan Human Rights Organization (Ahro). Per quanti volessero aiutare Civita e le altre ragazze afghane vittime di stupri e violenze, segnaliamo che la charity di Condé Nast - Child Priority -  farà da tramite con Ahro raccogliendo le donazioni di chi vorrà contribuire, per consegnarle a Ahro perché le vittime di quegli orrori vengano aiutate.

Ma cos'è Child Priority? Child Priority è una fondazione della Condé Nast creata dal nostro editore, Jonathan Newhouse, insieme al presidente di Condé Nast Italia Giampaolo Grandi e a Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia (guarda qui organizzazione e finalità, ndr).

A gennaio 2010 la fondazione consegnerà a Ahro i contributi che tutti i lettori vorranno dare a favore di Civita e le altre (con le modalità indicate qui sotto). Ecco un commento di Imma Vitelli a proposito dell'iniziativa: «E' la prima volta che Vanity Fair fa partire una raccolta fondi su richiesta dei lettori: la situazione delle bimbe afghane è atroce e mi commuove che molti di voi abbiano risposto con il cuore. Stiamo imparando - noi con voi - strada facendo».

Ecco le coordinate bancarie per effettuare il bonifico:

Causale: Aiuto bimbe afghane
Monte dei Paschi di Siena, Foro Buonaparte 12, 20121 Milano
C/c n° 0000004998.46 intestato a Child Priority
Abi 01030
Cab 01665
Cin U
Codice Filiale 02828
Iban IT 94 U 01030 01665 000000499846
Codice Bic/Swift (solo per la operazioni internazionali) PASCITM1K02

articoli precedenti

aggiungi un commento