VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Thorsten Brinkmann

Thorsten Brinkmann Drune Quoll, 2007

Guarda la gallery

01.10.2009

Do you speak fashion?

All'International Center of Photography di New York in mostra100 lavori recenti di 34 artisti provenienti da 18 Paesi 

a cura di Elisa della Barba

VOTA [ 12345 ] (0 voti)
Unica nel suo genere negli Stati Uniti, la Third ICP Triennial of Photography and Video dell'International Center of  Photography di New York è un campione mondiale della più innovativa fotografia e video arte disponibile a oggi.

Tema dell'anno dell'ICP e della Triennale, la moda: Dress Codes. In mostra 100 lavori recenti di 34 artisti provenienti da 18 Paesi. Tra questi, alcuni promettenti come Mickalene Thomas, Yto Barrada, Kimsooja e Thorsten Brinkmann e altri ormai  affermati come Cindy Sherman, Stan Douglas e Lorna Simpson.

I nomi rappresentati nella Triennale interpretano la moda come una forma di comunicazione sociale e utilizzano gli abiti per creare un ricco linguaggio visivo  - "i codici dell'abbigliamento", per l'appunto - colmo di specifici riferimenti alla storia, alla cultura, ai sessi, alla geografia.

Esaminano quindi con attenzione le problematiche evocate dalla moda: come costruiamo l'io che presentiamo al resto del mondo? Come può essere espressa l'identità culturale o individuale  in un'era  di cultura globale? Come possono essere impiegate la moda, la bellezza, lo stile per definire la società, per fabbricare fantasie, per segnalare potere? E come consideriamo ora, nel mezzo di una crisi economica mondiale, l'estetica dell'eccesso e del lusso che ha pervaso gli anni passati?

Gli artisti della Triennale rispondono a questi interrogativi coinvolgendo le nozioni di moda, costume e stile personale in interpretazioni imprevedibili e innovative.

Dress Codes: Third ICP Triennial of Photography and Video
2 ottobre 2009 - 17 gennaio 2010
International Center of Photography
1133 Avenue of the Americas at 43rd Street, New York
www.icp.org

articoli precedenti

aggiungi un commento