VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Federico Fellini

Federico Fellini, fotografia dal set di 8 ½ 1963. Foto Tazio Secchiaroli © David Secchiaroli

Guarda la gallery

20.10.2009

Ciak, si ricorda!

La capitale francese celebra Federico Fellini con una serie di eventi. In esposizione bozzetti, oggetti e personaggi che hanno ispirato il suo processo creativo.
Di Elisa della Barba

>> VAI ALLA GALLERY

VOTA [ 12345 ] (3 voti)
Felliniano. Quando il nome di un regista diventa un aggettivo di uso comune, si ha in parte la misura della grandezza del suo lavoro e del suo messaggio. E Parigi, a quasi 50 anni dall'anniversario de La Dolce Vita (1960), dedica una serie di eventi a Federico Fellini, lasciandosi invadere dalla magia dei suoi disegni, dei suoi film, della sua creatività esplosiva, della sua fantasia morbida e surreale.

Fulcro delle celebrazioni la mostra Fellini, la Grande Parade al museo Jeu de Paume, organizzata in un percorso che indaga e racconta la figura del maestro di Cinecittà dalla quotidianità del suo lavoro al mito. Accantonato dai curatori il focus dell'ordine cronologico, troppo agiografico per un uomo come Fellini, rimane quello esclusivamente visivo: in mostra si trovano quindi le immagini che lo hanno ispirato, che ha sognato, che ha creato.

In dialogo costante, fotografia e film svelano le tematiche che hanno plasmato il suo lavoro, le sue ossessioni, le sue fantasie.

Fotografie, disegni, giornali, poster, spezzoni di film, sceneggiature, scene tagliate, home-video, interviste: un quadro completo, anche con qualche inedito, per ricostruire i 'dietro le quinte' di Fellini, un'occasione da non perdere per vedere esposti i fotografi con cui aveva rapporti d'amicizia come Gidion Bachmann, Deborah Beer, Mimmo Cattarinich, Ampelio Ciolfi, Osvaldo Civarini, Michangelo Durazzo, Pierluigi, Franco Pinna, GB Poletto, Paul Ronald e Tazio Secchiaroli.

Completano l'omaggio celebrativo la retrospettiva completa dei film in programma alla Cinémathèque française con tavole rotonde e conferenze di approfondimento (dal 21 ottobre al 20 dicembre), la pièce teatrale Caro Fellini all'Istituto Italiano di Cultura di Parigi (il 28 e 29 ottobre) e la mostra fotografica Federico Fellini: La Dolce Vita è invece alla Fnac Montparnasse Lyon Bellecour et Lille.


Fellini, la Grande Parade
20 ottobre 2009 - 17 gennaio 2010
Jeu de Paume
1, place de la Concorde, Parigi
www.jeudepaume.org

articoli precedenti

aggiungi un commento