VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
La chiesa di Auvers-sur-Oise

La chiesa di Auvers-sur-Oise


09.11.2007

L'idea in più: in gita ad Auvers-sur-Oise

Un piccolo paesino di campagna, poco distante da Parigi, che fu luogo di incontro e di ispirazione dei pittori Impressionisti. E dove ancora si può "viaggiare nel tempo"
Scopri anche: Stoccolma e Berlino

di Alice Politi

VOTA [ 12345 ] (14 voti)
Tra tutti i luoghi che circondano Parigi e che gli Impressionisti scelsero come rifugio nonché fonte di ispirazione per le loro opere, il paesino Auvers-sur-Oise (www.auvers-sur-oise.com) merita un'attenzione speciale. Perché è qui che si creò una delle comunità artistiche più fervide, è qui che soggiornò, dipinse molti suoi capolavori e morì Vincent Van Gogh, e soprattutto è qui che oggi è possibile compiere un suggestivo tuffo nel passato alla scoperta dell'Impressionismo!

Il Castello di Auvers (rue de Lery, tel. 33+1-34484840, www.chateau-auvers.fr, ) propone infatti un Viaggio ai tempi degli Impressionisti, un percorso spettacolo con visita audio-guidata che ripercorre tutte le tappe salienti dalla nascita della corrente impressionista, soffermando l'attenzione sui luoghi di campagna scelti dai pittori come luogo di soggiorno e fonte di ispirazione, ma anche sulle influenze derivanti dallo sviluppo tecnologico e dalle nuove invenzioni.  Un'occasione da non farsi sfuggire per approfondire in modo divertente e originale uno dei movimenti artistici che ha fatto la storia della pittura.

Se avete deciso di fare tappa ad Auvers, sarà d'obbligo anche una visita all'Auberge Ravoux, la locanda dove visse gli ultimi mesi e morì Vincent Van Gogh, alla maison (oggi un museo) del dottor Gachet, collezionista e amico di molti Impressionisti, e al museo dell'Assenzio, che racconta la storia di questa bevanda, proibita a partire dal 1915, ma "apprezzata" da molti artisti e intellettuali del XIX° secolo.

articoli precedenti

aggiungi un commento