VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Dreamgirls

Una scena di Dreamgirls

Guarda la gallery

15.01.2007

Sharen Davis: «I miei costumi vintage style per Dreamgirls»

Intervista a Sharen Davis costumista per il nuovo musical cinematografico di Beyoncé, Jamie Foxx ed Eddie Murphy

a cura della redazione

VOTA [ 12345 ] (3 voti)
Qual è stata la sfida di Dreamgirls?
«Seguire i personaggi lungo l'arco di una vita a partire dai loro primi abiti, che sono quasi 'fatti in casa' e sicuramente poco attraenti ma già vivaci e divertenti».

Come si distinguno gli abiti del successo, gli outfit da star?
«Sono più scenografici ma anche meno confortevoli, più stretti e costrittivi per la silhouette».

Con quali look hai iniziato?
«Per Deena, il personaggio interpretato da Beyoncé, ho fatto un viaggio a ritroso dal suo top level a quello base. Ma Deena, in fondo, è una vera signora sempre.
Ad esempio, nella sua fase anni '60 non le ho mai fatto indossare un paio di pantaloni.
Per creare i costumi del personaggio di Effie, invece, sono partita da una pelliccia di leopardo. Ovviamente falsa. Lei la indossa convinta di essere la ragazza più hot del pianeta. Quella pelliccia è un po' la sua 'firma', il suo segno di riconoscimento».

E gli abiti dei personaggi maschili? Come ha lavorato su Jamie Foxx ed Eddie Murphy?
«Jamie lascia senza parole qualsiasi cosa indossi. Ma il suo personaggio in questo film è un uomo d'affari che non ha altro che il business nella sua vita. Ho dovuto 'appiattirlo' in questo senso.
Con Eddie, invece, mi sono potuta divertire: nei suoi outfit ho mescolato un po' di James Brown, qualcosa di Jackie Wilson e un tocco di Prince».

articoli precedenti

aggiungi un commento