VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Nan Kempner ritratta da Bruce Weber (2004)

Nan Kempner ritratta da Bruce Weber (2004)

Guarda la gallery

31.01.2007

Nan Kempner: American Chic

In mostra al Metropolitan di New York la collezione di abiti di alta moda di una delle più grandi "socialite" USA. Di Eleonora Attolico

VOTA [ 12345 ] (1 voto)
"Voglio essere sepolta nuda, tanto lo so che ci sarà sempre un negozio dove potrò andare". Ironizzava anche sulla morte Nan Kempner, top socialite americana, ma non sulla moda, che prendeva sempre sul serio. Bionda e filiforme (decise verso i trent'anni di non pesare mai più di 45 chili, pur superando il metro e settanta), fumatrice accanita, Nan Kempner era "la" socialite, la più famosa della Grande Mela. Cominciò a farsi notare a vent'anni quando, dopo aver assistito al suo primo defilé di Haute Couture, pianse e urlò finché la madre non accettò di comprarle l'abito di Yves Saint Laurent di cui si era innamorata. Yves intuì subito il potenziale della giovane cliente e Nan gli fu poi sempre fedele, pur concedendosi molti altri capricci. Conobbe Valentino giovanissimo, sin dai tempi in cui era l'assistente di Jean Dessès, il mago dei drappeggi, collaborò  con Harper's Bazaar e con l'edizione francese di Vogue come corrispondente dagli States, si impegnò in varie iniziative benefiche. Non perdeva mai un party, un vernissage, un'occasione mondana. Si dice anche che abbia anche ispirato un personaggio del romanzo di Tom Wolfe Il Falò delle Vanità.
Scomparsa da poco per enfisema, è una sonora assenza alle sfilate di Alta Moda ma la ricorda a New York il Metropolitan Museum, che ospita un'esposizione di abiti in omaggio alla sua vita, al suo gusto, alla sua memoria.

L'allestimento, curato da Harold Koda, sorprende per originalità e completezza. Vi si trova gran parte della collezione di Nan Kempner di abiti Couture dagli anni Cinquanta ad oggi, griffati soprattutto Yves Saint Laurent ma anche Madame Grès, Irene Galitzine, Christian Dior, Jean Paul Gaultier, Lanvin, Chanel, Ungaro, Fendi (Karl Lagerfeld) e Oscar de la Renta.

Prima di morire Nan Kempner donò i suoi tesori al Metropolitan considerandolo il suo museo di "quartiere" (abitava nell'Upper East Side). La mostra è stata concepita proprio come fosse il suo armadio immaginario.  (continua)

Nan Kempner : American Chic è a New York, Metropolitain Museum fino al 4 Marzo 2007
Info: www.metmuseum.org, tel. 001 212 535 77 10
Prezzo al pubblico per il Metropolitan : 20 $

articoli precedenti

aggiungi un commento