VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)


25.09.2007

Suzy Menkes: «La tecnologia? Un'alleata della moda»

Nota e temuta penna del giornalismo di moda internazionale, la Menkes ha presentato a Milano la prossima versione digitale di The New York Times Style Magazine. E ha approfittato dei microfoni di Style.it per dare una stoccatina al fashion system

di Valentina Caiani

VOTA [ 12345 ] (12 voti)
La prima lunga notte della Settimana della moda milanese si inaugura sotto l'egida di grandi eventi culturali. Mentre a Palazzo Reale si svolge l'inaugurazione della mostra dedicata alla couture sovversiva di Vivienne Westwood, negli spazi hype design della Triennale si guarda con curiosità il pre-lancio di T magazine, versione digitale del The New York Times Style Magazine, che andrà on line all'inizio del prossimo anno. Ospiti d'onore, il suo editor Stefano Tonchi e una delle giornaliste più note - e temute - del fashion system internazionale: Suzy Menkes, che diventerà una delle autorevoli firme del progetto.

Miss Menkes, persino durante le sfilate lei è inseparabile dal suo laptop: dobbiamo dedurne che lei ha un buon rapporto con le nuove tecnologie?
«Sono una convinta web surfer. Surfo ogni giorno della mia vita, passo molto tempo on line. T-magazine nasce da questo tipo di esperienza. Non è una semplice trasposizione del mio lavoro dal cartaceo al digitale. Ciò che scrivo qui godrà di una sua vita autonoma».

Quindi lei trae vantaggio, nel suo lavoro, dall'uso della tecnologia?
«Per me la tecnologia aiuta proprio tutti. Anche solo per il fatto che ciascuno può sapere istantaneamente tutto quello che succede nel mondo».

E la moda?

«La tecnologia è un'alleata della moda. Penso, ad esempio, agli incredibili motivi a stampa che si riescono a realizzare con il suo ausilio. Ma ne beneficia anche il taglio».

New York, Londra e ora Milano. Lei che ha seguito tutti i fashion show può già definire le linee guida per la prossima stagione?
«Tanto colore. Tante stampe. Ma soprattutto il binomio strong look - light fabrics. Questo è un ambito in cui l'Italia è particolarmente abile: le vostre produzioni sono speciali, molto originali».

La prossima grande sfida della moda?
«La prossima sfida della moda è continuare a fare belle borse ma contemporaneamente creare anche abiti altrettanto belli».

articoli precedenti

aggiungi un commento