VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Emilio Schuberth PE 08

Emilio Schuberth PE 08


29.01.2008

Emilio Schuberth,
il Dior made in Italy

AltaRoma dedica al "grand createur", protagonista estroso del primo Italian style, un documentario di immagini sontuose e testimonianze di chi l'ha conosciuto. Di Marialuisa Viglione

Segui qui le sfilate di Alta Moda PE 08

VOTA [ 12345 ] (6 voti)
Schu, nome del profumo, è il titolo del documentario di Antonello Sarno proiettato nell'ambito di AltaRoma dedicato a Emilio Schuberth, definito il "grande Dior della moda italiana", nato a Napoli nel 1904 e morto a Roma nel 1972.
Talentuoso creatore, Schuberth  partecipò nel '51 alla sfilata storica di Palazzo Pitti a Firenze e fu tra i protagonisti della nascente moda italiana.

Il film inizia con una dichiarazione di Schuberth che ne riflette il culto per lo stile: «La donna elegante è facilitata a mantenere il successo». Lo affermava a ragion veduta, dato che nel corso della sua carriera aveva vestito Soraya, Rita Hayworth, Ingrid Bergman, Bette Davis, Brigitte Bardot, Sofia Loren, Gina Lollobrigida e Anna Magnani. «Schuberth capì per primo l'importanza della comunicazione della moda attraverso l'eccentricità e la bravura», sostiene Beppe Modenese, mentre Lavinia Biagiotti afferma  «è stato un grande maestro per mia madre e mia nonna. Il mio retaggio di romanticismo lo devo a lui».

Lui dice di se stesso, con accento tedesco: «Amo molto le donne e le voglio rendere belle. Non amo gli abiti corti. Preferisco il lungo, la donna elegante, longilinea». Nel video - oltre alle immagini di abiti strepitosi - scorrono le testimonianze di Micol Fontana che lo ricorda con nostalgia, Renato Balestra che lavorò con lui, Giusi Ferré che definisce le sue linee "melodiose", Bianca Maria Piccinino che lo considera precursore della modernità. «Esaltava la donna con il senso del colore e dello spettacolo», conclude Beppe Modenese. Tra gli amici e gli ammiratori anche la figlia Gretel, in prima fila a godersi commossa il video.

articoli precedenti

aggiungi un commento