VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Grimaldi e Giardina PE 08

Grimaldi e Giardina PE 08


31.01.2008

La nostra couture
in chiave folk

Il duo Grimaldi e Giardina  trae estro e creatività dalle origini meridionali, il cuore è il loro simbolo. «Ci piacciono le favole, la gioia, la solarità». Anche se poi disegnano donne angeliche. (m.v.)

Guarda la sfilata Alta Moda PE 08 di Grimaldi e Giardina


VOTA [ 12345 ] (7 voti)
E' sempre vincente la moda elitaria e sartoriale?
"Il futuro in realtà è incerto. E' impossibile trovare una 20-25enne da formare come sarta. Non c'è più la cultura dell'artigianato, che è creatività. Ora si lavora tutti seduti a un computer per abiti fatti in serie"

Cosa avete voluto raccontare con questi abiti?
"Storie di donne antiche e moderne, angeliche: ci piacciono le favole, la gioia, la solarità, il tono allegro".

Quanto siete legati all'Italia e al Meridione?
 "Abbiamo lasciato lì il nostro cuore, per noi le origini rappresentano tutto: la famiglia, la stabilità, le radici. Da lì ci proviene l'energia".

Vi ispirate al duo Dolce e Gabbana?
"Non li conosciamo. Li stimiamo molto, hanno fatto un prodotto vincente che si vende in tutto il mondo, hanno saputo gestire con grande intelligenza la loro creatività. Noi facciamo un altro tipo di moda, puntiamo sull'unicità. Certo ci piacerebbe poter vedere i nostri lavori a Tokyo piuttosto che a New York, in tutto il mondo".

I vostri obiettivi?
"Continuare a lavorare per il cinema per il teatro, la Lirica. A breve disegneremo i costumi per la Traviata".
Niente male per due che da piccoli sognavano di fare i ballerini.

articoli precedenti

aggiungi un commento