VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Custo Dalmau, Bar Rafaeli

Sopra: Custo Dalmau. Sotto: Bar Rafaeli


17.12.2008

Custo: «Ambiente,
oggi nessuno ha più scuse»

Il fondatore, nonché anima creativa, di Custo Barcelona arriva a Milano per sostenere con le sue creazioni un progetto ecologico: Corona Save The Beach

Leggi il profilo di Custo Barcelona
Guarda la sfilata Custo Barcelona Primavera/Estate 2009

di Federico Rocca

VOTA [ 12345 ] (3 voti)
Custo pensa all'ambiente. E lo fa a cominciare dalla salvaguadia delle spiagge. «L'iniziativa mi è subito piaciuta. In primo luogo perchè pratico surf, e poi perchè - come tutti - sono preoccupato per i livelli raggiunti dall'inquinamento nel mondo» spiega sorridente. «Il progetto di Corona è una sorta di tour in giro per l'Europa per informare le persone su cosa possono fare per salvare le spiagge. Dopo Londra e Berlino, ora è la volta di Milano. Anche qui abbiamo presentato una sfilata tra sabbia, palme e cocktail...».

Una sfilata swimwear con guest star come la top Bar Rafaeli e il musicista Xavier Rudd: come descriveresti la collezione?
«Un trionfo di colore ed energia. Quella in passerella è una donna che si sente a proprio agio indossando il colore, che deve semplicemente essere l'estensione della personalità, nient'altro».

Per il progetto Save the Beach hai anche creato un borsone da mare in limited edition...
«Si tratta di borse in cotone organico realizzate in Brasile da un'azienda che ha a cuore la salvaguardia dell'Amazzonia. I profitti delle vendite serviranno a ripulire una spiaggia europea».

Cosa non può mancare nel borsone da mare?
«Un sacchetto nel quale riporre i rifiuti».

C'è grande attenzione, ultimamente, per l'eco/ethical fashion: moda del momento o segnale di una vera e propria presa di coscienza collettiva?
«Credo, anzi spero, che sia frutto di una consapevolezza che possa durare per sempre. Vorrei fosse un argomento presente nella vita quotidiana di ogni persona. Fino a trent'anni fa probabilmente nessuno aveva una reale cognizione di quello che stava accadendo al pianeta. Ora che l'informazione è globale e immediata, non abbiamo scuse».

Quale è "la spiaggia della tua vita"?
«Fuerteventura, nelle Canarie. Ci vado ogni estate».

Cosa ti piace fare in spiaggia? Ho l'impressione che tu sia un tipo iperattivo, poco incline al relax...
«Sbagli, quando dormo sono estremamente rilassato...».

Siamo vicini alle feste di Natale e Capodanno: il mare tropicale in pieno inverno è cheap o cool?
«Credo sia una splendida opzione, ho passato bellissime vacanze natalizie sia sulla neve che in spiaggia: in fin dei conti l'unica differenza è la temperatura dell'acqua».

articoli precedenti

aggiungi un commento