VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Un outfit Io Ipse Idem

Un outfit Io Ipse Idem


11.03.2009

Romeo Gigli:
«C'è voglia di intimismo»

Secondo lo stilista è il momento che l'apparenza lasci il posto alla sostanza. Anche nella moda.

Di Enrico Maria Albamonte

VOTA [ 12345 ] (7 voti)
E nella moda in generale cos'è cambiato negli ultimi anni?
«La gente ambisce a un maggiore intimismo, vuole essere riconoscibile per quello che è, non per quello che indossa».

Cos'è la sensualità?
«Essere sé stessi e non aver paura di mostrarsi instaurando una dialettica costruttiva con chi ci circonda».

Romeo Gigli, un altro italiano che sfila a Parigi. Ma da italiano come vede il futuro del Made in Italy?
«Abbiamo grandi risorse: eccellenti manifatture e grandi artigiani. Putroppo però le nuove leve della moda lavorano in maniera frenentica come in un fast food: tutto si consuma troppo rapidamente».

Che musica ascolta?
«Un po' di tutto. Amo creare la mia colonna sonora personale, combinando Mozart, Ben Harper, Simon & Garfunkel e i Velvet Underground».

Chi veste le sue creazioni?
«Uomini e donne che sanno nutrirsi di emozioni vere con grande libertà espressiva: Fiorella Mannoia, Fabio Fazio, Franco Battiato, ma anche uomini senza età ma con strutture fisiche diverse come i protagonisti del film Aspettando il sole diretto da Agostino Panini, presentato all'ultima edizione del Festival del Cinema di Roma».

Se non avesse fatto lo stilista, quale sarebbe stata la sua professione?
«Sicuramente il designer di interni. Affrontare progetti di design per me è molto stimolante e si riverbera anche nello stile dei miei capi. In fondo oggi la casa è il nostro biglietto da visita».

articoli precedenti

aggiungi un commento