VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
In primo piano un modello di Nicola Morgan. Dietro outfit Laure Lamborelle ed Ekaterina Demidova


16.09.2009

Mittelmoda Fashion Award,
i vincitori

Nicola Morgan, Laure Lamborelle ed Ekaterina Demidova trionfano alla 17a edizione del concorso internazionale, fucina di nuova linfa creativa per il mondo moda

di Elisa Motterle

VOTA [ 12345 ] (2 voti)
Per diventare uno stilista di successo il talento è senz'altro necessario, ma la visibilità - in particolar modo agli esordi - è altrettanto fondamentale. E se il primo non si può acquisire, ma soltanto affinare, la seconda si può - a fatica - conquistare. Proprio in quest'ottica è nato, diciassette anni fa, Mittelmoda_the fashion award. Il concorso, strutturato come un network in continua espansione, offre una vetrina prestigiosa alle giovani leve del fashion design e coinvolge oggi oltre seicento scuole in sessantasei paesi, dopo aver tenuto a battesimo, nelle scorse edizioni, creativi che lavorano ora per prestigiose Maison o che hanno lanciato un'etichetta propria.

Naturale quindi che ci fosse grande attesa per la finale di quest'edizione 2009, che si è svolta l'11 settembre con una sfilata-evento nel centro di Gorizia. A imporsi tra i 26 finalisti - selezionati nei mesi scorsi dalla giuria tra una folla di partecipanti - e a essere premiata dal presidente Matteo Marzotto è stata Nicola Morgan, proveniente dalla University of Northumbria. La giovane inglese ha conquistato il pubblico e i giurati con una visionaria collezione total black, fatta di pezzi intercambiabili e dall'animo trasformista. Una vocazione pratica e quotidiana - sottolineata dalla possibilità di comporre i capi attraverso zip strategicamente posizionate -  contraddistingue le sue creazioni, caratterizzate da silhouette slanciate e da futuristiche lavorazioni laser. Un mix sofisticato e molto avant-garde, che le è valso infatti un doppio riconoscimento: Nicola si è aggiudicata anche il Premio Lectra, offerto dalla casa specializzata nella progettazione di software per la moda.

Ma nel corso della serata anche altri creativi hanno avuto il loro momento di gloria. Laure Lamborelle, studentessa della Royal Academy of Fine Arts del Belgio, si è aggiudicata il riconoscimento SMI - Sistema Moda Italia - con una collezione aggraziata e degagé, giocata su drappeggi in tonalità polverose. La russa Ekaterina Demidova ha vinto il premio Camera Nazionale della Moda come autrice della collezione più innovativa. E grazie ai tanti premi secondari messi a disposizione dai numerosi sponsor del contest, pochi sono tornati a casa a mani vuote. James Hillman, proveniente dalla Central St. Martins di Londra, si è aggiudicato il premio Levi's per la collezione che ha meglio coniugato creatività e abilità sartoriale con un approccio innovativo alla sostenibilità. Premio Speciale Tessuto Italiano a Francesco Cecchini dall'Istituto Carlo Secoli_ITALIA per la minicollezione che ha meglio interpretato le caratteristiche di cotone, lino e tessuti per camiceria. Il danese Nicholas Nybro-Jensen, con creazioni giudicate le più global ed innovative, vince il premio offerto da H&M.

articoli precedenti

aggiungi un commento