VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Ghiacciaio Dosdè Orientale

Ghiacciaio Dosdè Orientale

LEVISSIMA

GLI IMPATTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SUI GHIACCIAI DELL'ALTA MONTAGNA ITALIANA:
LA VALTELLINA UN LABORATORIO A CIELO APERTO



Levissima in collaborazione con i ricercatori del Gruppo di Glaciologia dell'Università degli Studi di Milano, guidati dal Professor Claudio Smiraglia, da vita ad un nuovo step del progetto di ricerca scientifica, volto allo studio del permafrost o ghiaccio "nascosto" nella roccia e nel suolo, altro fondamentale indicatore climatico. Gli  ottimi risultati dei due esperimenti di "protezione glaciale attiva" sulla superficie del ghiacciaio Dosdè Orientale in alta Valtellina hanno infatti incoraggiato Levissima e i ricercatori  a scalare ancora le vette delle montagne valtellinesi per studiare questo settore ancora poco noto della criosfera - l'insieme dei ghiacci presenti sul Pianeta.

"Questo ghiaccio, di origine ben diversa da quello che costituisce i ghiacciai alpini, è presente in grandi quantità alle elevate latitudini e sembra sottoposto ad accelerata fusione negli ultimi anni a seguito del riscaldamento climatico in atto", afferma il professor Smiraglia. "Anche in Italia, sulle Alpi, la sua presenza è nota, ma è poco chiara la sua distribuzione e soprattutto lo studio delle sue variazioni recenti." Levissima e i ricercatori dell'Università di Milano si sposteranno sulla vetta più elevata del gruppo Dosdé Piazzi: Cima Piazzi dove a 3.439 metri di quota approfondiranno gli aspetti relativi all'evoluzione del permafrost e alle sue relazioni con i cambiamenti climatici in atto.

Gli importanti risultati raccolti attraverso i due anni di sviluppo del progetto di ricerca scientifica sull'evoluzione dei ghiacciai lombardi, indicatori sempre più preziosi degli effetti dei cambiamenti climatici, hanno permesso: da una parte di ottenere una visione globale dell'evoluzione del glacialismo in tutta l'area di studio grazie alle analisi remote sensing, cioè l'analisi delle immagini da satellite e delle foto aeree, dall'altra un approfondimento a livello locale su aspetti della ricerca glaciologica, idrologica e glaciologica applicata.


"L'evoluzione dei ghiacciai alpini è ormai considerata una delle tematiche più importanti a livello ambientale", dichiara Daniela Murelli, Direttore CSR Gruppo Sanpellegrino "Abbiamo così deciso con Levissima, l'acqua che si prende cura dell'acqua e dell'ambiente, di sostenere la ricerca scientifica e studiare la dinamica glaciale e idrologica nel Gruppo Dosdè-Piazzi in Valtellina, là dove ha origine la sua fonte, che in questi anni di ricerca si è trasformato in un vero e proprio laboratorio a cielo aperto dei ghiacciai e dell'acqua".