VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Robin Williams, in <I>Licence to Wed</I> interpreta un prete, padre Frank

Robin Williams, in Licence to Wed interpreta un prete, padre Frank


Robin Williams: «I preti? Dovrebbero sposarsi»

In Licence to Wed l'attore gioca a fare il prete. Con noi ha parlato di cinema, di Chiesa e di Marco Pantani

di Andrea Carugati, da Vanity Fair n. 49/2006

VOTA [ 12345 ] (0 voti)
Incontro Robin Williams a casa sua in California. Lavoro al top, con quattro film appena usciti o in arrivo: Happy Feet, dove nella versione originale presta la voce ai pinguini Ramon e Lovelace (in Italia, doppiato da Massimo Lopez, lo sentiamo solo nei brani musicali), Man Of the Year, dove interpreta il presidente americano, Night At the Museum, dove veste i panni di un altro presidente americano (un Theodore Roosevelt di cera) e License To Wed, in cui fa il prete.

In License To Wed gioca a fare il prete: mai pensato di diventarlo sul serio?
«Ho fatto il chierichetto, acceso le candele... Ma lavorare nella religione? La confessione? Quante volte lo hai fatto? Cinque. Ed è stato bello? Padre, è stato fantastico, ma lei gridava i nomi di altri uomini...».

Secondo lei i preti dovrebbero potersi sposare?
«Certo, lo hanno vietato solo per ragioni economiche».

Economiche?
«I preti, un tempo, avevano famiglia e beni materiali, che una volta morti passavano ai familiari. La Chiesa ha visto la possibilità di appropriarsi di tutti quei beni: è bastato impedire ai preti di sposarsi e di generare eredi. Credo che la piaga della pedofilia sarebbe meno dilagante se i preti si potessero sposare e fare sesso. Come si fa a chiedere a un uomo di rifiutare la sua natura?».

Una donna prete, come la vedrebbe?
«Benissimo, ma non succederà mai: la Chiesa cattolica è una faccenda tutta al maschile e lo sarà per sempre».

articoli precedenti

aggiungi un commento