VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Fabio De Luigi. Foto di Stefano Pavesi

Fabio De Luigi. Foto di Stefano Pavesi

sondaggio

Qual è il personaggio più forte di Fabio De Luigi?

Olmo
Carlo Lucarelli
Il chirurgo Filippo di Natale a New York

13.12.2006

Fabio De Luigi: dalla Gialappa's al suo primo film di Natale

Il comico 39enne ha sfondato in tv. E ora è tra i protagonisti del film Natale a New York, con Christian De Sica

di Paola Jacobbi, da Vanity Fair n. 50/2006

VOTA [ 12345 ] (4 voti)
Grazie a una proficua collaborazione con la Gialappa's (in sei anni di Mai dire..., oltre 25 personaggi inventati o imitati: dal cantante melodico Olmo a Patrick del Grande Fratello, da Roberto Calderoli a Carlo Lucarelli), Fabio De Luigi, romagnolo, 39 anni, è uno dei comici che, in tivù, hanno sfondato. Prova scientifica: in un sondaggio sulla popolarità effettuato l'estate scorsa e pubblicato dal Sole 24 Ore, veniva prima di Jim Carrey.

Ma, in questi anni, non si è accontentato del piccolo schermo: ha fatto cinema (Matrimoni, Il partigiano Johnny, Asini, È già ieri, Ogni volta che te ne vai) e teatro (dal 10 gennaio sarà in tournée con Il bar sotto il mare di Stefano Benni). Il 15 dicembre lo vedremo nel suo primo film di Natale, Natale a New York, regia di Neri Parenti.

Nei film di Natale la gente ride moltissimo. Sui motivi che la fanno ridere, si discute.
«Io ho posto qualche condizione».

Ha detto: «Per me, niente scoregge»?
«No, non così! Il film di Natale è il film di Natale. Non è che l'ultimo arrivato dice: da oggi facciamo Truffaut. Però, con Claudio Bisio, abbiamo chiesto di modificare un paio di scene che proprio non ci sentivamo di fare».

Tipo?
«In una avremmo dovuto essere vestiti sadomaso. E, in un'altra, c'era un tizio che faceva pipì per strada e noi scambiavamo la sua urina per l'acqua di una fontana. Era un po' troppo, così ci siamo messi al lavoro con gli sceneggiatori e con Neri Parenti».

articoli precedenti

aggiungi un commento