VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Chiara Iezzi, foto di Michele Groppi

Chiara Iezzi, foto di Michele Groppi


15.03.2007

Chiara, la prima volta senza Paola

Durante un viaggio negli Usa, Chiara conosce un'associazione che raccoglie fondi a scopo benefico per gli orfani del Malawi e decide di aiutarla con una canzone. La sua prima da solista.

Intervista di Francesca Cibrario

VOTA [ 12345 ] (7 voti)
Chiara Iezzi si trovava a Chicago quando ha incontrato uno dei responsabili di RaisingMalawi, un'associazione che reccoglie fondi a scopo benefico per gli orfani del Malawi. Visto che aveva una canzone nel cassetto, ha deciso di cantare questa volta non solo per il pubblico, anche per la gente che non se la sta passando bene.

Questo è il tuo primo pezzo da solista, significa che da ora in poi vedremo Chiara senza Paola?
«Assolutamente no. Separarmi artisticamente da mia sorella è una cosa che non voglio proprio fare. Per caso ho composto Nothing At All da sola e, dopo aver conosciuto RaisingMalawi, ho deciso di lanciare il brano anche a scopo benefico, ma la mia esperienza da solista è un episodio isolato».

In che città è girato il video di Nothing At All?
«A Londra. Inizialmente pensavamo di girarlo nella metropolitana di Genova, ma la città non ci ha concesso il permesso, così siamo andati a Londra, una città che sento mia e che visito spesso. Penso che il video traduca bene l'emozione da cui è nata la canzone: un dinamismo interiore dettato dalla voglia di cambiare».

È una tua esigenza cambiare?
«Sì. Musicalmente, ad esempio, mi piacciono tutti i generi, ma prediligo il pop perché ti consente di cambiare sonorità pur mantenendoti legata alla melodia».

Tra i tuoi hobby c'è la pittura, vero?

«Sì, ma non lo definirei un hobby. Come tutte le forme d'arte con cui mi sono confrontata - la musica, la fotografia digitale e la pittura, appunto - si tratta di un modo di esprimermi dettato da una mia esigenza interiore».

articoli precedenti

aggiungi un commento