VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Madonna al party di Vanity Fair America, in occasione degli Oscar.<BR>Foto © Kikapress

Madonna al party di Vanity Fair America, in occasione degli Oscar.
Foto © Kikapress


20.03.2007

La metamorfosi di Madonna

Quindici minuti e un solo tema a disposizione: i vestiti (siamo qui perché presenta la sua collezione fast fashion). Ma non siamo rimasti delusi: parlando di look, abbiamo scoperto altre facce di lei

Clicca e guarda la collezione
disegnata da Madonna per H&M

di Paola Jacobbi da Vanity Fair n. 12/07

VOTA [ 12345 ] (66 voti)
Che tipo di donna aveva in mente quando ha disegnato questi abiti?
«Le ragazze che lavorano con me: io le chiamo "Semtex Girls" (il Semtex è un tipo di esplosivo al plastico, ndr). Giovani, energiche, esplosive e che hanno poco tempo da perdere per pensare a come vestirsi. Ogni pezzo può essere portato per andare in ufficio e poi finire la serata a un cocktail, a una festa, a un appuntamento romantico, senza bisogno di passare da casa a cambiarsi».

Non c'è niente di «spettacolare», per essere la collezione di una grande donna di palcoscenico.

«No, è moda per tutti i giorni e per tutte le età. Credo che, per esempio, alle teenager piaceranno molto i jeans neri e bianchi a sigaretta».

Un tempo le donne, passati i 40 anni, lasciavano perdere la moda. Meno sesso, meno bisogno di mettersi in ghingheri.
«Be', fortunatamente le cose sono cambiate. Io sono molto lontana dall'idea di rinunciare sia al piacere del sesso che a quello di vestirsi con stile».

Che politica del guardaroba segue lei? Tiene tutto o periodicamente butta via?
«I costumi di scena sono archiviati in un magazzino in California. Per i vestiti di tutti i giorni, faccio un gigantesco repulisti una volta all'anno».

Non si è mai affezionata a niente?
«Ho qualche pezzo favorito, pochissimi. Non guardo mai indietro, sono sempre alla ricerca di cose nuove».

Si ricorda come era vestita il giorno in cui ha conosciuto suo marito?
«Perfettamente. Avevo un paio di pantaloni militari verdi con una specie di body viola e i sandali con la zeppa. Mi sentivo in meraviglioso equilibrio. I pantaloni dicevano: "Sono una donna forte"; il body: "Ma sono anche femminile e sexy"».

articoli precedenti

aggiungi un commento