VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Diane Kruger (Foto Kikapress)

Diane Kruger (Foto Kikapress)


15.05.2007

Diane Kruger: «In amore stare lontani non aiuta»

L'attrice di Troy racconta perché è finito il suo matrimonio e perché, invece, sta ancora con Joshua Jackson

di Paola Jacobbi su Vanity Fair n. 20 del 24 maggio 2007

VOTA [ 12345 ] (7 voti)

È vero che è stato quel successo improvviso a mandare a monte il suo matrimonio con il regista e attore francese Guillaume Canet?
«Non voglio analizzare in pubblico le ragioni per le quali il mio matrimonio è finito. Ma certo il fatto di essere due attori e di stare sempre lontani non aiuta».

Ecco perché è finita anche con Joshua Jackson...
«Ma non è finita! Dove l'ha letto? Su Internet? »...

La morale di Io & Beethoven è che, dietro ogni uomo importante, c'è una donna forte. Lei rinuncerebbe alle sue ambizioni per stare al fianco di un genio?
«Se ne incontrassi uno, perché no? Il problema è che non credo che un genio potrebbe innamorarsi di me. E, poi, onestamente, preferirei non dover mai esser costretta a scegliere tra famiglia e lavoro, tra successo e amore. Ho una fiducia illimitata nella mia forza di volontà e nella mia cocciutaggine».

Dove vuole arrivare?
«Glielo diranno tutte le attrici che intervista... Sogno di fare uno di quei film che restano, che segnano una generazione, che vengono citati e ricordati».
 
Leggi l'intervista completa
su Vanity Fair n. 20 in edicola

articoli precedenti

aggiungi un commento