VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
foto Maki Galimberti


05.06.2007

Kaká e il sesso degli angeli

«Non è stato facile arrivare al matrimonio senza mai essere stato con una donna»

di Sara Faillaci su Vanity Fair n. 23 del 14 giugno 2007

VOTA [ 12345 ] (117 voti)
«Alle cinque di mattina», risponde Ricardo Izecson Santos Leite, detto Kaká quando Vanity Fair - in edicola dal 6 giugno - gli chiede a che ora è andato a letto, la notte della finale di Champions League. 25 anni, la star brasiliana del Milan appena incoronato campione d'Europa, più che un viveur è uno stinco di santo. Uno che, quando vince la Champions, invece di urlare prega, invece di saltare si inginocchia, invece dei tifosi guarda il cielo.

Quando gli si chiede se è emozionato al pensiero di essere quest'anno il candidato favorito alla vittoria del Pallone d'Oro, risponde: «Penso di aver lavorato bene e di meritarlo, ma non è che non ci dorma la notte. La mia serenità non dipende da un premio».

Nell'ambiente del calcio i santi non vanno di moda. Che cosa pensano di lei gli altri calciatori?

«Ogni tanto mi accorgo che mi guardano un po' perplessi, pensano io sia strano. Però poi mi accettano e mi rispettano».

Anomalo, per la sua categoria, anche negli interessi: legge molto ed è appassionato di cinema e teatro.

«Non sono l'unico. Costacurta, per esempio, è molto colto. E Ambrosini gira sempre con un libro in mano».  

Come ha conosciuto sua moglie Caroline?
«A una festa a San Paolo. Mio padre e sua madre (Rosangela Lyra, amministratore delegato Dior Brasile, ndr) si conoscevano e ci hanno presentati. Ci siamo scambiati i numeri di telefono, poi sono andato a trovarla per il suo compleanno. Compiva 15 anni».

E lei, di anni, quanti ne aveva?

«Diciannove, ma in Brasile ero già famoso. Nel 2002, al rientro dalla vittoria al Mondiale, ci siamo fidanzati».

A 20 anni cercava già moglie?

«Sì, ho sempre pensato al matrimonio. Però abbiamo dovuto aspettare tre anni: uno in Brasile e due lontani, perché io sono venuto a giocare in Italia e lei era troppo giovane per seguirmi. Ma quel periodo è stato importante, ha messo alla prova il nostro amore».

Tentazioni?
«Quelle ci sono sempre, ma io cerco di evitarle. Da quando sono in Italia non sono mai andato in discoteca se non alle feste del Milan, e sempre con mia moglie. Tra noi, quando lei era ancora in Brasile, c'era un patto: liberi di uscire con gli amici ma a mezzanotte si rientra a casa e ci si telefona. Io e Caroline abbiamo fatto molti sacrifici».

Si riferisce alla distanza?

«Non solo a quella. Abbiamo scelto di arrivare casti al matrimonio: la Bibbia insegna che il vero amore si raggiunge solo con le nozze, con lo scambio di sangue, quello che la donna perde con la verginità. Infatti, per noi, la prima notte è stata bellissima».

Non le è pesato aspettare?

«Certo che mi è pesato: sono un ragazzo normale. Non è stato facile arrivare al matrimonio senza essere mai stato con una donna. Con Caroline ci baciavamo e la voglia c'era, ma ci siamo sempre trattenuti. Se oggi la nostra vita è così bella, penso sia anche perché abbiamo saputo aspettare».

Berlusconi ha detto che lei è il genero ideale. Le ha fatto piacere?

«Sì. A mia moglie un po' meno, soprattutto quando ha aggiunto: "Peccato che sia già sposato". Ma poi si è corretto».

È vero che Berlusconi sogna di vederla giocare in attacco?
«Vorrebbe che il Milan scendesse in campo con due punte, ma io mi sento un trequartista. Anche in finale abbiamo giocato così, e abbiamo vinto».

articoli precedenti

aggiungi un commento