VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Cristiana Capotondi con Nicolas Vaporidis

Cristiana Capotondi con Nicolas Vaporidis.
Foto Kikapress


07.08.2007

Cristiana Capotondi:
io non resisto

Il primo amore, «le figuracce che faccio quando mi piace un ragazzo», e che cosa succede se qualcuno la corteggia. Alla vigilia del suo ritorno al cinema, la bella sorpresa della primavera 2006 parla per la prima volta della love story con Vaporidis. E non solo di quella

di Marina Cappa, su Vanity Fair n. 32 del 16 agosto 2007

VOTA [ 12345 ] (18 voti)
Per caso nel rifiuto c'entra anche il fatto che lei aveva avuto una storia d'amore con Nicolas Vaporidis? Lei non l'ha mai ammessa, ma lui, a noi di Vanity Fair, una volta ne aveva parlato.
«E io l'ho un po' sgridato per quella intervista. Gli ho detto: se decidi di parlare di noi ai giornali, avvertimi, che io non sto a negare mentre tu ammetti. Però no, non c'entra con la scelta. Anzi, anche se non stiamo più insieme, ci siamo lasciati molto bene. E con lui, sul lavoro, ho sempre un grande feeling».

Quanto ha contribuito la vostra love story a rendere credibili i sentimenti dei vostri personaggi in Notte?
«In realtà la storia è cominciata dopo il set, durante la promozione. Siamo stati di sostegno l'uno per l'altro. Abbiamo passato un periodo piacevole insieme, anche se non molto lungo. Entrambi attraversavamo una fase di crescita, stavamo andando a vivere per conto nostro, c'era la coscienza dell'essere diventati grandi. Poi ci siamo persi, ma senza rancore. Il successo del film, invece, secondo me in buona parte è merito degli anni Ottanta che racconta: un decennio che era ancora delle nostre madri, ma verso il quale anche i ragazzi della mia età provano una certa nostalgia».

Leggi l'intervista completa
su Vanity Fair n. 32 in edicola

articoli precedenti

aggiungi un commento