VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Il Dalai Lama, foto Michael O'Neill.

Guarda la gallery

04.12.2007

Dalai Lama:
«Questa guerra finirà»

«La non violenza ha gettato un seme. Che non è morto». Prima di arrivare in Italia, Tenzin Gyatso ci affida la sua profezia di pace e la speranza di una nuova era. Favorita, magari, da una reincarnazione speciale

di Gabriele Romagnoli su Vanity Fair n. 49/2007

VOTA [ 12345 ] (10 voti)
...In una intervista concessa a metà degli anni Novanta, lei disse che con la crisi delle ideologie e del materialismo sarebbero finite anche le guerre, e il ventunesimo sarebbe stato un secolo di pace. Ci siamo. E guarda. Che cosa è andato storto?
«Calma. Sono passati soltanto sette anni, ne restano novantatré. Aspettiamo a giudicare. Posso ancora avere ragione. La parte finale del Novecento è stata una grande esperienza, ha visto crescere la spiritualità e la non violenza, ha gettato un seme che non è morto, anzi. Quel seme crescerà, le guerre finiranno. Le guerre: inutili. Il blocco delle armi nucleari è un bene. Ci sono i segni positivi di una nuova era. È essenziale fare sforzi per rendere questo secolo il secolo del dialogo. La pace non significa non avere problemi, i problemi ci saranno sempre, ma bisogna saperli affrontare, trovando nuovi metodi, non usando la forza. La violenza porta altra violenza, nuova sofferenza. È una forma di suicidio».

Tra le cose che avrebbero dovuto aiutarci a raggiungere la pace, lei metteva la religione. Le sembra che stia davvero aiutando l'umanità, o piuttosto sia divenuta un pretesto per avvilirla e distruggerla?
«La religione aiuta. Aiuta se la usi propriamente. Seriamente. Sinceramente. Avevo questo amico ebreo che insegnava in una scuola a Gerusalemme. Diceva ai suoi studenti: se incontrate qualcuno che disprezzate, pensate che quel qualcuno è l'immagine di Dio. Tempo dopo un ragazzo palestinese gli disse che aveva seguito la sua lezione, mettendola in pratica ai check-point, davanti ai soldati israeliani, imparando a non detestarli. Ecco, la religione serve se è buona, tollerante. Se insegna la comprensione e il perdono. Esistono purtroppo molti manipolatori che la utilizzano per scopi diversi. Esistono in ogni religione e sono tutti pericolosi».

...Il futuro è difficile da prevedere. Lei è nato in una famiglia umile e a due anni si è trovato a essere onorato come la più alta autorità spirituale e politica del suo Paese. Mi tolga una curiosità: le è mai passato per la testa che la sua indicazione come quattordicesima reincarnazione del Dalai Lama possa essere stata uno sbaglio? Che quel piccolo Budda, se esiste, non fosse lei?
(Rifà la linguaccia) «Nooo. Non ci ho mai pensato. Un momento: se lei vuol sapere se io credo di essere la stessa persona che fu il tredicesimo Lama, ecco questo non lo so, ne dubito spesso. No, non credo di essere Lui, ma la Sua sostituzione, la Sua eredità, il Suo seme reincarnato. So che la reincarnazione è un concetto complesso, non si preoccupi».

...Esclude di poter rinascere come primo Dalai Lama donna?
«È possibile. Se la forma femminile sarà più utile, il Dalai Lama sarà donna. Nella tradizione tibetana, quella è la reincarnazione più alta. Quindi...».

Leggi l'intervista completa su Vanity Fair n. 49/2007

articoli precedenti

aggiungi un commento