VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Patrick Dempsey

Patrick Dempsey


08.01.2008

Patrick Dempsey:
«Il papà sexy»

Il dottor Stranamore si toglie il camice e per il 2008 confessa un obiettivo ambizioso: diventare più sexy di Matt Damon. Con l'aiuto dell'amico George Clooney e di un look tutto nuovo...
Di Paola Jacobbi su Vanity Fair n. 2/2008

VOTA [ 12345 ] (25 voti)
...Per capire che tipo sia Dempsey: il giorno della nostra intervista era sabato, e lui aveva passato la mattina a passeggio con i suoi bambini in un canyon appena fuori città. Niente palestre à la page, ma una bella camminata all'aria aperta.
«Nell'ultimo mese ho trascorso più tempo con i figli perché, delle 24 puntate che dovevamo girare di Grey's Anatomy, ne abbiamo fatte solo la metà, a causa dello sciopero degli sceneggiatori. Francamente, mi sono goduto questo tempo libero inatteso.Però mi auguro comunque che si arrivi a un accordo. Le rivendicazioni degli scrittori sono legittime, anche se, quando trattative di questo genere non trovano soluzione, viene da pensare che il problema non sia tanto nel merito, ma nello scontro tra ego troppo ingombranti».

...E lei? Non ha voglia di montarsi un po' la testa? In fondo, sarebbe giustificato.
«Guardi, io sono molto felice, ma anche molto sereno. Mi viene da sorridere, se penso alla fatica che ho fatto per essere preso in considerazione negli anni passati. Ma io non sono cambiato affatto, né intendo cambiare».

...Ho sentito dire che lei ha voluto girare Come d'incanto, un classico film Disney, proprio per far contenta Tallulah. «Vero. Infatti l'ha visto e le è piaciuto, il che mi ha reso molto felice».

...E se qualcuno le facesse notare che potrebbe esigere di più, fare film più sofisticati, meno commerciali?

«Non c'è niente di male nel girare film commerciali, se la storia che racconti è buona e realizzata con gusto».

...Visto come stanno andando bene le cose al di fuori di Grey's Anatomy, non ha la tentazione di abbandonare il camice del dottor Shepherd?

«No, per ora non se ne parla. L'ho tolto solo per la campagna Versace».

...A proposito: com'è il look di Derek?

«Abbastanza banale. Jeans, camicie botton down, maglioncini. A me invece, nella vita, piacciono le scarpe stringate e gli abiti completi. Sono entusiasta dei dettagli sartoriali. E no, non penso affatto, come ho sentito dire in giro qualche volta, che Versace sia un marchio per modaioli. Anzi: va benissimo per l'uomo classico».
Patrick Dempsey è praticamente perfetto. Come testimonial. Come marito e papà. Come sex symbol della porta accanto. Mi chiedo: avrà, come tutti, un lato oscuro? Inutile affannarsi. Lati oscuri non se ne trovano, a meno di dare credito alla voce secondo cui si è rifatto il naso (e anche fosse, sai che roba!). Oppure si può rivangare il primo matrimonio, con la sua agente nonché madre del suo migliore amico: lei aveva 48 anni e Patrick 21. Ma lui stesso, anche nella nostra intervista di un anno fa, ha già elaborato e risolto tutto, definendo la vicenda «un incubo freudiano».
Forse dovremmo concentrarci su questa passione per le auto da corsa, un'ossessione che ha in comune con un attore del passato a cui molto somiglia: Paul Newman. Dempsey colleziona macchine, non si perde un appuntamento del circuito Nascar, ed è appena stato a Daytona. Eccitante, ma anche rischioso. Chissà perché ai maschi piace tanto correre e sfidare la sorte a questo modo? Ci sono cose che, per noi donne, sono incomprensibili. E nemmeno il dottor Stranamore riesce a farcele capire.

Leggi l'intervista completa su Vanity Fair n. 2/2008

articoli precedenti

aggiungi un commento