VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
John Grisham. Foto Maki Galimberti

John Grisham. Foto Maki Galimberti


06.05.2008

John Grisham: «Se in prigione ci finiste voi?»

Più di lui hanno venduto solo Harry Potter e la Bibbia. Ora ritorna con il libro dell'anno. Politici cinici e populisti, giustizia a pezzi, corruzione, il paese spaccato in due: sicuri che stia descrivendo l'America?

di Gabriele Romagnoli su Vanity Fair 19/2008

VOTA [ 12345 ] (6 voti)
John Grisham, 53 anni, ha scritto davvero l'Ultima sentenza, un libro che non concede appello (esce il 13 maggio) e  che ...comincia dove finivano, lietamente, film come Erin Brockovich ... con la piccola comunità risarcita per l'enorme danno provocato dalla multinazionale. ... Dopo comincia un'altra storia, che i media e Hollywood non seguono.... Arriva l'appello, deciso da una corte di giudici eletti da un popolo manipolabile, influenzato dietro le quinte dagli sconfitti di primo grado, che saranno i trionfatori nel secondo e per sempre. Stavolta, davvero, the end.

>Grisham, è la fine della democrazia?
«Quasi. Si sa, in un Paese che si considera faro della democrazia come gli Stati Uniti solo la metà dei cittadini si registra per votare e la metà di quelli lo fa. Decide la maggioranza del 25%. E quella è facilmente influenzabile...
Democrazia malata, giustizia in coma?
«La cosa inaccettabile è l'elezione diretta dei giudici...Più dei politici, diventano ostaggio di chi mette i soldi per farli eleggere...»
 Soldi, soldi, certo...
«L'America deve rimettersi a ragionare. Abbiamo la popolazione carceraria più elevata al mondo e continuiamo a costruire carceri. È un sistema perverso, al cui apice sta la pena di morte».
Abolirla?
«Sì».
Nella corsa alla Casa Bianca nessuno lo propone, perché?
«Perché i politici hanno paura di apparire deboli... Anche depenalizzare le droghe avrebbe molto senso: stroncherebbe il narcotraffico.Ma se un politico lo propone, non viene votato»
Lei è stato, prima di diventare scrittore, un avvocato: quando si è accorto che il sistema era marcio?
« ...Ho fatto l'avvocato per dieci anni, in uno Stato del Sud, e pensavo che la pena di morte fosse giusta. Poi ...il cappellano...di un carcere...mi ha chiesto  "...pensi che Gesù approverebbe una cosa del genere?". Ho detto: "Non credo". Il cappellano ha detto: "No. Non lo farebbe. Non predicava vendetta, predicava perdono"... »

Leggi il resto

articoli precedenti

aggiungi un commento