VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Mischa Barton. Foto Chris Dunlop

Mischa Barton. Foto Chris Dunlop

Guarda la gallery

sondaggio

Tra i personaggi storici di O.C. qual era il tuo preferito?

Marissa (Mischa Barton)
Sandy (Peter Gallagher)
Ryan (Benjamin McKenzie)
Summer (Rachel Bilson)
Seth (Adam Brody)

PROSSIMAMENTE LA VEDREMO IN...

- You and I (di R. Joffé): due ragazze si innamorano a un concerto delle t.A.T.u.
-
Walled In (di Gilles Paquet-Brenner): un edificio nasconde presenze inquietanti 
- Homecoming (di Morgan Freeman): una ragazza ha un piano per il suo ex
- Don't fade away (di L. Kasdan): ascesa e caduta di un giovane executive musicale
- Malice in Wonderland (di Simon Fellows): Alice ai nostri giorni, in Inghilterra


11.06.2008

Mischa Barton:
no Marissa, no O.C.

L'ultimo episodio è andato in onda pochi giorni fa. Ma la serie (quella che faceva 10 milioni di telespettatori) è morta da un anno: l'ha uccisa lei, Mischa Barton, quando se n'è andata. Perché ci manca tanto? Una scrittrice O.C.-dipendente risponde
Scopri tutto sui look di Mischa Barton
Come replicare lo stile sixties di Mischa Barton

di Chiara Gamberale su Vanity Fair n. 24/2008

VOTA [ 12345 ] (19 voti)
...Gli dei dell'adolescenza... una volta superata la soglia di quel periodo epico perdono la loro invulnerabilità. L'ineffabile Marissa, protagonista assoluta delle prime tre stagioni del telefilm The O.C., per risolvere il problema fa un capolavoro. Muore. Nell'ultima puntata della terza stagione, uccisa dalla rabbia incontrollabile di un surfista pazzo d'amore. 

Per chi non conoscesse The O.C.... faccia attenzione: provoca dipendenza. ... qualche anno fa... mi sono imbattuta nella replica di un episodio...: non decifrando quale legame ci fosse fra il ragazzino moro di buona famiglia e il ragazzotto biondo in canotta... il giorno dopo mi sono detta: ma sì, vediamo che succede oggi. E il giorno dopo ancora ho comprato i cofanetti con i dvd delle prime due stagioni. A quel punto è successo. Non riuscivo a smettere.

A Orange County... succedono cose e si succedono personaggi alle prese con carpiati del destino e ribaltoni sociali talmente estremi... che tu ormai ci sei dentro. Sei fra gli invitati al party sul bordo della piscina... Bisogna andare. I Cohen altrimenti si offendono... Buona famiglia... anche perché così caritatevole da accogliere in casa Ryan (il biondo in canotta), ragazzo difficile di periferia.

Basta un istante. Alla fine della prima puntata di The O.C. Ryan la vede.... È Marissa, vicina di casa dei Cohen. Che da quel momento in poi... vedrà di non farsi mancare niente. Si drogherà, diventerà lesbica, alcolizzata... Scapperà di casa, si infatuerà di un mitomane,.. cercherà conforto nel tenero Johnny... entrerà in uno stato di mutismo, si butterà fra le braccia del surfista assassino. Sempre tornando da Ryan...

Marissa travolge gli altri esclusivamente con la sua confusione. Una confusione narcisista e fine a se stessa... Non dirà mai a Ryan una parola di conforto. Non darà mai un consiglio a un'amica senza in qualche modo finire a parlare di sé.... non darà a nessuno l'occasione di rendersi conto che esiste solo perché è l'attenzione degli altri che glielo permette.

articoli precedenti

aggiungi un commento