VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Guarda la gallery

sondaggio

Per David Duchovny si impara a essere ironici rispetto al sesso con l'età. Cosa ne pensi?

Concordo pienamente
Non sono d'accordo: l'età e l'esperienza non contano in questo senso
Non saprei

17.07.2008

David Duchovny:
«Il mio sesso tutto da ridere»

Nella nuova serie Californication l'attore mette in scena il lato ironico e divertente del sesso

di Ilaria M. Linetti

VOTA [ 12345 ] (4 voti)
In Californication Duchovny interpreta Hank Moody, uno scrittore che arriva a Los Angeles per sfondare nel mondo del cinema ma perde tutto, la reputazione e la famiglia, e passa la prima stagione cercando di tornare al successo e passando per il letto di tutte le donne che incontra.

Lei si sente un donnaiolo come Hank Moody o è più vicino a un agente serio, quasi asessuato, come Mulder?
«Sì».

Come sì? Sì a quale delle due possibilità?
«Quello che ha detto lei. Non si preoccupi, avrà un senso quando ascolterà la registrazione».

Le è mai capitato di essere preso a pugni da una ragazza come a Hank Moody?
«Ma che domande mi fa? No, non mi è mai capitato. Al massimo ho preso qualche schiaffo dalla mamma, quando ero piccolo».

Californication è un inno al sesso. Si trova a disagio a interpretare certe scene?
«Un po' sì. Non dovrei, il corpo umano è bello comunque sia, a qualsiasi età, ma mi sento un po' inibito. Vorrei non esserlo, vorrei sventolare la mia bandiera in giro, senza remore, ma il sesso è ridicolo da vedere. Se è fatto nel modo giusto è davvero divertente da vedere, imbarazzante per chi lo fa. In Californication non usiamo il sesso come qualcosa di eccitante ma come fonte di umorismo».

Sembra strano sentire un uomo che parla così. Prendeva il sesso così poco sul serio anche quando era giovane?
«No, assolutamente! Ero molto serio, a riguardo, quando ero giovane. È quando si matura che si coglie il lato ironico. Forse si potrebbe dire che la mia maturazione, come essere umano, è consistita nel passare da serio a comico. E sì, sto parlando anche delle mie capacità durante la performance...».

articoli precedenti

aggiungi un commento