VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Andrew Howe. Foto Richard Phibbs

Andrew Howe. Foto Richard Phibbs

Guarda la gallery

sondaggio

Lo sportivo più sexy delle Olimpiadi è:

Andrew Howe
Filippo Magnini
Aldo Montano

I NUMERI DEL CAMPIONE

Andrew è vicecampione mondiale di salto in lungo e detentore del record italiano (8,47 metri) .

Ha vinto due ori (200 metri e salto in lungo) ai Mondiali juniores di Grosseto nel 2004.

Nel 2006 è arrivato primo agli Europei di Göteborg e terzo ai Mondiali indoor di Mosca, sempre nel salto in lungo.  

Ha superato il record italiano di specialità detenuto da Giovanni Evangelisti ai Mondiali di Osaka nel 2007. Ma il titolo di campione del mondo di atletica leggera lo ha vinto Irving Saladino, panamense di 25 anni. È lui l'uomo da battere a Pechino.


29.07.2008

Andrew Howe: «Non sono
un sex symbol»

Le cattiverie, le passioni, le aspirazioni dello sportivo campione di salto in lungo. E queste foto? Questione di ironia
Dieci ragazzi d'oro: gli atleti italiani a Pechino. Guarda la gallery e il video. Leggi l'intervista

di Gabriele Romagnoli su Vanity Fair n.31/2008

VOTA [ 12345 ] (12 voti)
C'è chi ti vuol male?
«Sì (Giuseppina annuisce con vigore)... Tra gli avversari c'è chi è contento se io mi faccio male».

E tu? Non sei mai contento... se un tuo avversario si infortuna?
«Sì... mi capita. Poi però no, perché se vinco così è una vittoria dimezzata».

Che cosa hai imparato in tutti questi anni, in migliaia di salti?
«A concentrarmi..».

Usi sempre la stessa canzone per riuscirci?
«Sì, Wings For Marie dei Tool. Perché cresce, esplode, poi è come uno squarcio, con due occhi che ti guardano... ».

...Come te l'immagini Pechino?
«Calda, affollata, uno stadio enorme, novantacinquemila persone che ti guardano...».

Spaventoso?
 
«Esaltante».

E se ci fosse stato il boicottaggio?
«Ci andavo da solo, anche a piedi. Se volevano dare una lezione alla Cina che chiudessero le fabbriche in cui fanno fare i prodotti».

...Sei a Pechino, all'ultimo salto... poi tocca a Saladino, che ti ha già fregato così una volta. Che fai, guardi?
 
«... So soltanto che preferirei saltare dopo di lui».

Ma se vinci l'oro, sei proprio sicuro di restare lo stesso?
 
«Sì. ...l'antidoto per l'ebbrezza da successo ce l'ho già nel sangue. Le cose e le persone che piacciono a me stanno in una parte speciale del mondo...».

Tipo nicchia?
«Sì. Io non sono uno da Tv, da Amici...Tipo l'altra settimana ero andato a un concerto dei Suffocation e mi guardavano chiedendosi: "È lui o non è lui?", perché sai, per voi noi siamo tutti uguali».

Noi e voi chi?
«Per voi italiani noi negri...».

Non eravamo meno razzisti degli americani?
«Sì, ma anche meno abituati ai colori e poi state facendo certe leggi...».

Tu che vuoi fare nella vita quando smetterai di correre e saltare?
«Studio filosofia...».

Lo dici come se volessi affermare qualcosa...
«Esatto: che un atleta non deve necessariamente essere stupido. Io sono ironico... ho fatto queste foto, ma non mi ritengo un sex symbol, mi sarei riconosciuto di più con uno stile misto tra skater e rockettaro... »

...Se ripasso dopo l'Olimpiade ti trovo ancora qui, in provincia?
«...Se vinco una medaglia stacco da tutto e vado in tournée coi Craiving, il mio gruppo hardcore».

Sei sicuro che te lo lasceranno fare, che non ti centrifugheranno, useranno, venderanno a rate?
«Io non sono commercializzabile».

Me lo confermi a Pechino la sera dopo la gara?
«Promesso».

articoli precedenti

aggiungi un commento