VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Michelle Obama. Foto Kikapress

Michelle Obama. Foto Kikapress

sondaggio

Qual è la celeb afroamericana che ammiri di più?

Michelle Obama
Oprah Winfrey
Condoleezza Rice
Halle Berry
Beyoncé Knowles

06.11.2008

Michelle Obama: «Questo ci mette nel sacco tutti»

Come Barack Obama è riuscito a conquistare Michelle grazie a una sola parola e a Spike Lee
TORNA ALLO SPECIALE BARACK OBAMA

di Gabriele Romagnoli sullo Speciale Vanity Fair 45/2008

VOTA [ 12345 ] (6 voti)
...Di Michelle si sapeva che nessun fidanzato durava più di un mese, che il lavoro veniva prima e, soprattutto, che non sarebbe mai uscita con un collega. Infatti, quando Barack glielo propose, rispose di no...
I loro incontri rimasero professionali... Lei non era entusiasta di quel che faceva, avrebbe voluto occuparsi del sociale... Lui le disse che... già ora si impegnava nelle piccole comunità, sognava la politica. «La politica?», disse Michelle. «Quella mai». Figurarsi.
Qualche giorno dopo ricevette un... invito di Barack, l'ennesimo.... Le proponeva di andare nella chiesa dove avrebbe parlato a una comunità del quartiere in cui si candidava. «Beh, questo non è uscire con un collega», pensò Michelle. E andò.

La chiesa era piccola, affollata. Molti anziani, gente che assomigliava a suo padre, pieni di dignità.... l'oratore si tolse la giacca, arrotolò le maniche della camicia bianca, un gesto che si tramandano generazioni di seduttori pubblici... Parlava del mondo come è e del mondo come dovrebbe essere. Il ponte tra le due cose era una parola che andava ripetendo ogni due minuti: change, cambiamento. Michelle si guardò intorno: erano tutti conquistati. Si guardò dentro: il «ragazzino» stava conquistando anche lei... Nell'ultimo istante di lucidità pensò: questo ci mette nel sacco tutti.

Poi lui... venne dritto da lei... Camminarono insieme... Passarono davanti a un cinema, davano Fa' la cosa giusta, di Spike Lee... Non era un film romantico, ma a metà del secondo tempo Barack appoggiò il suo ginocchio a quello di Michelle e lei non lo spostò. Sono cose a cui conseguono passioni, disastri, figli, case in campagna, ambizioni comuni, delusioni reciproche, vite insieme o divorzi. Se puoi, fai la cosa giusta...

Il Muro di Berlino è caduto. Un Bush vivrà alla Casa Bianca ancora per due mesi e poi non ne dovrebbero venire più. Il prossimo inquilino sarà nero. Figurarsi.

articoli precedenti

aggiungi un commento