VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Cam Gigandet agli Mtv Movie Awards

Cam Gigandet. Foto Kikapress


16.02.2009

Cam Gigandet:
«Io non mi googlo più»

L'attore di Twilight sul rapporto con la fama internettiana e... i tatuaggi

Francesca Scorcucchi

VOTA [ 12345 ] (8 voti)
Twilight ti ha dato una mano con la carriera?
«Sì, anche in Twilight interpreto il cattivo, l'antieroe,  ma è stata una bella vetrina».
 
A proposito di vetrina, «googli» mai il tuo nome?
«Lo facevo, ma ho smesso. Era controproducente, non andavo a cercare cosa scrivevano i fan ma al contrario, andavo a scovare chi mi criticava e poi me la prendevo e mi impermalosivo...soprattutto quando ci leggevo i pettegolezzi, spesso inventati di sana pianta, sulla mia vita privata. Quindi ho rinunciato. Molto meglio così».
 
Cosa fai quando non reciti?
«Soprattutto sport».
 
Ci racconti dei tuoi tatuaggi?
«Quello sul braccio mi ricorda di non essere troppo idiota».
 
Prego?
«Si, ho anche cercato di cancellarlo. Mi ha insegnato una lezione. Il tatuaggio non è una cosa che puoi decidere di fare dall'oggi al domani, devi pensarci bene e devi sapere cosa vuoi.
 
Cosa è successo?
«A 16 anni mi sono fatto tatuare un drago, poi qualche anno dopo sono andato da un tatuatore e gli ho chiesto se mi poteva espandere il tatuaggio. Quando ho tolto la fasciatura ho quasi vomitato. Era bruttissimo! Ho cercato di farmelo cancellare, alla fine l'ho solo un po' modificato. Così come è adesso è accettabile». 
 

articoli precedenti

aggiungi un commento