VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Vasco Rossi. Foto Massimo Sestini

Vasco Rossi, 57 anni. Il 25 settembre è uscito il suo ultimo singolo: Ad ogni costo. Il 6 ottobre è partito da Pesaro con  il suo Europe Indoor Tour. Foto Massimo Sestini

Guarda la gallery

sondaggio

Qual è la più grande canzone di Vasco?

Albachiara
Sally
Vita spericolata
Un senso
Gli spari sopra

27.10.2009

Vasco Rossi:
«La vita non è un dono »

Il concerto d'esordio, la prima grande canzone [...]. Quello che lui è oggi, è nato nel 1979. Preparatevi a leggere più parole su questi trent'anni che su quelli che verranno.

di Enrica Brocardo su Vanity Fair 44/09

VOTA [ 12345 ] (23 voti)
[...]

Vasco è uno dei musicisti più citati nei libri ed è uno dei musicisti su cui si sono scritti più libri [...]. L'ultimo, appena uscito, è un volume di quiz come quelli per i concorsi: Vasco Rossi a test, di Marzio Angiolani.  

Ho studiato anch'io e mi sono resa conto
che trent'anni fa nella sua vita sono accaduti tanti fatti importanti. Intanto, il suo primo concerto, a Bologna. 
«Nato come uno scherzo, una sfida di Bibi Ballandi (produttore italiano, tra gli altri di Celentano, Morandi e Fiorello, ndr). "Ti ho organizzato un concerto in piazza Maggiore con il gruppo che suona con Dalla", mi disse. Peccato che due, tre giorni prima arrivò la notizia che il gruppo non c'era. A quel punto, mettemmo insieme una band al volo [...]: andò bene. [...] ».
[...]

[...] suo padre è morto trent'anni fa esatti, il 31 ottobre 1979. Che ricordo ha di lui?
«Parlava pochissimo, ma ci capivamo con lo sguardo. Mi voleva un bene dell'anima».
[...] 

Anche la sua canzone più famosa, Albachiara, compie trent'anni.
«[...] Dalla finestra di casa vedevo sempre questa ragazzina arrivare con la corriera. Avrà avuto 13, 14 anni. Quando ne compì 18 e, sì, insomma, non ero più perseguibile, glielo dissi: "Guarda che l'ho scritta per te [...]».

Le sue canzoni più belle sono tutte dedicate alle donne.
«In cambio, loro mi hanno massacrato. Da quando avevo sette anni».  
[...] 

Ma davvero le sue canzoni «nascono da sole, vengono fuori già con le parole»?
«[...] se la musica non è mia, allora è diverso. A trovare le parole di Vita spericolata ci ho messo sei mesi[...] Quando l'ho finita ho pensato: ho scritto la canzone della mia vita[...] ».
[...]

Vita spericolata è ancora la canzone della sua vita?
«Lo è stata fino a Sally. Che mi è nata di getto in barca a Saint-Tropez dopo una notte di follie».

Che follie?
«Ero andato in una discoteca, e tutte quelle che vedevo mi piacevano. Sono passato da una all'altra  [...] Sono arrivato in barca che avevo ancora tutta quell'eccitazione e l'ho sfogata nella musica. Poi, cinque anni fa, ho scritto Un senso, la terza canzone della mia vita».

Fin qui i suoi primi trent'anni. E i prossimi trenta?
«Ahahahahahah. Durerò ancora due o tre mesi».
[...]

Lei ha detto: «Io rispetto la vita finché la vita rispetta me».
«Ci sono momenti in cui la vita umana viene calpestata troppo dalla realtà, dalla malattia. Quando succederà non la rispetterò più neanch'io. Per me la vita non è un dono, come pensa chi crede in Dio. [...]».

[...] Lei quando ha smesso di credere?
«In collegio dai salesiani. Avevo 15 anni. [...] Adesso, però, vedo che in giro c'è una nuova religione, quella del corpo. Bisogna essere sani, vivere in eterno. Io, invece, penso che morire bisogna morire. Intanto, ho appena scritto la quarta canzone della mia vita. Inizia così: "Se ti potessi dire"... [...] ».

articoli precedenti

aggiungi un commento