VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Archivio Condé Nast

Archivio Condé Nast

sondaggio

Sapevi che siamo nell'Anno Europeo delle Pari Opportunità?


No

03.05.2007

Troppo poca informazione

Un'alta percentuale di donne tende ad accantonare la cura di sé e non conosce i basilari diritti riservati alle lavoratrici

di Alice Politi

VOTA [ 12345 ] (4 voti)
TAGS:
Dallo studio condotto da Ipsos emerge quindi l'immagine di una donna strattonata fra responsabilità e aspirazioni nel lavoro e responsabilità gravose in famiglia. Un impegno che assorbe talvolta al punto che le donne tendono a minimizzare molte delle proprie esigenze, anche afferenti la sfera della salute. Il 57 per centro delle intervistate, per esempio, ha dichiarato di soffrire di ansia o stress e nel 93 per cento dei casi non ha usufruito mai o raramente di permessi.

Gran parte delle donne, inoltre, non è a conoscenza dei propri diritti. Dei sei diritti più comuni dedicati alle donne lavoratrici, il 38 per cento ne conosce 3 o 4 e il 15 per cento ne conosce solo due.

«Dall'indagine condotta emerge con nettezza che vi siano ancora resistenze culturali e ostacoli strutturali nel processo di emancipazione e di pieno inserimento delle donne nel lavoro», ha evidenziato Nando Pagnoncelli, amministratore delegato dell'Ipsos. «Ostacoli culturali derivanti da una sottovalutazione del ruolo della donna e dalla difficoltà nel sostenerla nella vita quotidiana. Il coinvolgimento paritario degli uomini è ancora lontanissimo».

articoli precedenti

aggiungi un commento