VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Archivio Condé Nast

sondaggio

Il senso di noia:

ti piace
ti tormenta
ti stimola
ti capita raramente
ti lascia indifferente

26.07.2007

Ti annoi? Impara a conoscerti meglio

Non serve distrarsi quando ci si trova in preda alla noia: la verità è che abbiamo poca confidenza con le nostre emozioni. Lo rivela un nuovo studio

di Alice Politi

VOTA [ 12345 ] (6 voti)
La prossima volta che ti sentirai ostaggio di una incolmabile noia rifletti: forse c'è qualcosa di te che ancora non sai. Una nuova ricerca canadese, condotta dall'équipe dello psichiatra John Eastwood di Toronto, mostra infatti che la noia ha poco a che fare con la mancanza di stimoli esterni e molto a che vedere con la scarsa confidenza  che si ha con le proprie emozioni.

Allo studio hanno partecipato 204 studenti universitari, i quali hanno risposto a una serie di domande che indagavano le loro emozioni e la tendenza alla noia.

In definitiva, gli studenti con una maggiore propensione alla noia erano gli stessi che riportavano una maggiore difficoltà a riconoscere le emozioni personali.

Eastwood e colleghi sostengono che tutto ciò mostra la tendenza naturale a cercare stimoli esterni, ma che le distrazioni sono in realtà la soluzione sbagliata.

«Quando ci annoiamo, ci mettiamo subito alla ricerca di un diversivo,  ma così tendiamo ad "alienarci" dai nostri desideri e dalle passioni», sottolinea Eastwood.  «Impariamo, invece, a vivere la noia come una preziosa opportunità. Può aiutarci infatti a far luce sui nostri desideri più intimi».

articoli precedenti

aggiungi un commento