VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Archivio Condé Nast

Archivio Condé Nast

sondaggio

Pensi che il matrimonio sia:

la tomba dell'amore
il coronamento di un sogno
una scelta obsoleta
un'opportunità per la coppia

22.08.2007

Le nozze? Un buon
anti-depressivo

Secondo un nuovo studio, il matrimonio sarebbe una valida
soluzione per chi soffre di depressione

di Alice Politi

VOTA [ 12345 ] (4 voti)
Per qualcuno sarà forse "la tomba dell'amore", eppure il matrimonio sembra rappresentare un autentico toccasana per le persone affette da malinconia e depressione. Lo rivela un recente studio  condotto dal Dipartimento di Sociologia della Ohio State University e pubblicato sul Journal of Health and Social Behaviour, dal quale emerge che, a differenza di quanto supposto in origine dai medesimi ricercatori, i depressi, lungi dal subire un peggioramento delle proprie condizioni d'umore, sono proprio coloro che più beneficiano del legame nuziale.

Gli studiosi hanno sottoposto un questionario sulla depressione a 3000 persone non sposate, invitandole a rispondere a domande sulla malinconia, l'insonnia e il senso di solitudine. Tornati poi a intervistare i medesimi soggetti a distanza di cinque anni, si è scoperto che il punteggio relativo alla depressione era inferiore di 7,5 punti per coloro che nel frattempo si erano sposati. E questo indipendentemente dal grado di soddisfazione all'interno della vita di coppia.

Ciò dimostrerebbe che a beneficiare della vita coniugale è soprattutto chi è depresso, perché nel matrimonio troverebbe la sicurezza di una compagnia e un senso di appartenenza necessari per ammortizzare i sentimenti negativi che lo affliggono.

articoli precedenti

aggiungi un commento