VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Archivio Condé Nast


17.03.2008

Quarantenni, le nuove anoressiche

Gli psicologi esperti di disturbi alimentari lanciano l'allarme:
le nuove pazienti sono donne mature ossessionate
da modelli femminili come Madonna o Sharon Stone

di Alice Politi

VOTA [ 12345 ] (1 voto)
Non più soltanto adolescenti. Le "nuove" anoressiche sono quarantenni assillate dall'idea di somigliare a modelli femminili come Madonna e Sharon Stone. A lanciare l'allarme sono gli esperti della British Dietetic Association.

Il 10 per cento dei casi di anoressia trattati dai medici dell'Associazione è infatti attualmente rappresentato da donne fra i 40 e i 50 anni. Le quali, al fine di imitare icone dello show-biz, tendono a crearsi false aspettative sul loro aspetto, compromettendo la salute alimentare.

«Dieci anni fa, curavamo soprattutto ragazzine; adesso l'età è sensibilmente aumentata», spiega la Direttrice del centro Ursula Philpot. «Ci sono donne mature che si ammalano di anoressia a seguito di eventi traumatici come un divorzio o l'allontanamento di un figlio. Oggi però la ragione principale risulta l'ossessiva ricerca di perfezione, il desiderio assoluto di somigliare nel fisico a una celeb».
Un dato da tenere in grande considerazione a detta di Susan Ringwood, della National Eating Disorder Association: «Sottolinea che, oggi, a essere soggetti a forti condizionamenti sociali non sono più soltanto i teenager».

articoli precedenti

aggiungi un commento