VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Archivio Condé Nast

sondaggio

Stai vivendo una crisi di coppia:

decidi istintivamente di tagliare
ti dai un'altra possibilità
la ignori

02.04.2008

Coppia: meglio single
che insoddisfatti

Se tra due partner non c'è feeling, meglio lasciarsi: delusione e insofferenza fanno male al cuore. È quanto rivelano gli autori di un nuovo studio

di Alice Politi

VOTA [ 12345 ] (6 voti)
Tra il matrimonio e la vita da single, scegliete il matrimonio: secondo gli studi più recenti, chi è sposato ha una pressione sanguigna più equilibrata e, in generale, uno stato di salute migliore rispetto a chi è single. Se però il matrimonio non funziona, meglio tagliare. Un nuovo studio ha infatti dimostrato che essere sentimentalmente soli è comunque più salutare che stare in una coppia senza feeling e con problemi di insofferenza reciproca.

Lo studio, pubblicato su Annals of Behavioral Medicine, è stato condotto da Julianne Holt-Lunstad, ricercatrice della Brigham Young University.  La psicologa ha preso in esame 204 coppie sposate e 99 adulti single, monitorando la loro pressione sanguigna per 24 ore, attraverso l'applicazione di appositi dispositivi. Le coppie sposate, inoltre, sono state invitate a compilare un questionario sul loro matrimonio.

I risultati delle analisi hanno messo in luce che più alto era il grado di soddisfazione matrimoniale per gli sposi, più basso era il loro livello di pressione sanguigna. Quando però il grado di soddisfazione scendeva, automaticamente saliva il livello di pressione sanguigna, più di quello riscontrato negli individui single.

L'importanza di questo studio sta nel fatto che per la prima volta, le malattie cardiache sono state messe a confronto non con la semplice condizione di single o sposati, ma con la qualità del rapporto matrimoniale.

articoli precedenti

aggiungi un commento