VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

sondaggio

L'ultima volta che sei stata a teatro:

una settimana fa
un paio di mesi fa
un anno fa
più di un anno fa
non vado quasi mai

19.05.2009

FRAGILE,
l'opera da recitare in coppia

Hai già visto il servizio a pag 123 di Glamour di Giugno? Ecco
il testo completo dell'opera teatrale di Tino Caspanello,
autore cult della scena italiana. Da stampare e, perché no,
da recitare in coppia in uno speciale tête-à-tête...

VOTA [ 12345 ] (3 voti)

Sulla scena nera, al centro, vicino al fondo, una porta obliqua, un cielo dipinto su di essa. La porta si apre, ne escono due personaggi, un uomo e una donna, vestiti come strani clowns. Lui ha in mano un aggeggio per gonfiare palloncini e lo farà ininterrottamente per tutta la durata dello spettacolo; lei ha sulle braccia una montagna di vestiti che proverà ininterrottamente, anche lei, per tutto lo spettacolo. Trascinano in scena una sedia.

Lui       (Mentre scoppia l'ennesimo palloncino) Non ho ancora capito come si fa!
Lei       Cosa?
Lui       I palloncini. Scoppiano tutti!
Lei       Posso provarci?
Lui       No. Non adesso. Prima io. Poi, forse, anche tu. (Riprende)
Lei       (Mostrando un vestito) Questo?
Lui       No, non va bene.
Lei       Perché?
Lui       E' troppo...
Lei       Troppo?
Lui       Non lo so... troppo serio?
Lei       Serio? Ma l'hai guardato bene?
Lui       Lo conosco bene quel vestito. Vecchio!
Lei       Ma, perché? C'è qualcosa di nuovo tra questi... stracci?
Lui       Guarda bene. (Scoppia il palloncino)
Lei       (Si spaventa) Però avvertimi, quando sta per succedere!
Lui       E io che ne so!
Lei       Lo senti.
Lui       Non sento niente! Gonfio, gonfio e poi... bum!
Lei       Forse lo gonfi troppo:
Lui       Dici?
Lei       E sì! Se scoppiano...
Lui       E quanto dovrei gonfiarli?
Lei       Ma... diciamo... più o meno... così. (Fa il gesto con le mani, la misura ipotetica di un palloncino).
Lui       Così? Ma è ridicolo! A chi vuoi che piaccia un palloncino così?
Lei       A me.
Lui       A te?
Lei       Sì, a me. Mi piacciono piccoli, un po' molli... e poi non volano.
Lui       Appunto! Così non voleranno mai.
Lei       Ma non devono volare!
Lui       Non devono?
Lei       No.
Lui       Ah, va bene, allora smetto.
Lei       Non hai capito cosa volevo dire.
Lui       No.


(continua...)

articoli precedenti

aggiungi un commento