VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

CONTRO LA VIOLENZA SUILLE DONNE 
Le immagini possono più delle parole?

Il 25 novembre 08 è la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Sono oltre 14 milioni le italiane che hanno subito violenza fisica, sessuale o psicologica nella loro vita (dati Istat). Solo il 25% dei casi è stato opera di uno sconosciuto, e solo il 10% dei fatti viene denunciato.
Di fronte a un dramma così grave e diffuso, la condanna ovviamente è unanime: tra le iniziative che si stanno svolgendo in tutta Italia, anche i manifesti hanno un ruolo. Più o meno riuscito. Giudica tu.
 
1 di 07 domande

«Chi paga per i peccati dell'uomo?». Questa frase è al centro del manifesto contro la violenza alle donne realizzato da Telefono donna, che il Comune di Milano ha bocciato. Lo ha ritenuto provocatorio: «Perché rispondere alla violenza con violenza?», ha commentato l'assessore al Decoro Urbano Maurizio Cadeo. Cosa ne pensi?