Ragazzi, è ora di far merenda!

di Francesca Amé 

Secondo una recente indagine, le mamme italiane variano molto gli alimenti per lo spuntino dei loro bambini. Merendine? Sì, ma con moderazione. E preferibilmente light

Francesca Amé

Francesca Amé

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Foto Corbis Images

Foto Corbis Images

Sempre alta la guardia sull'alimentazione. Le mamme italiane si confermano vivaci sentinelle, attente ai cibi da preparare e offrire ai loro bambini.
Lo conferma una recente ricerca svolta da Aidepi, l'Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiana che dal portale www.merendineitaliane.it ha lanciato l'indagine «Merenda 2.0» per capire come viene consumata la merenda dei piccoli d'oggi.

Un centinaio le mamme blogger che hanno risposto al questionario, grazie al quale è emerso che la merenda è un'abitudine piuttosto consolidata nelle famiglie italiane (quasi l'80% dei bambini la fa sempre). Nella larga maggior parte dei casi (oltre il 60%) il bambino non è lasciato solo a consumare il pasto di metà pomeriggio: un adulto (mamma, familiare o baby-sitter) vigila sulla sua alimentazione.

Ma che cosa c'è nel pacchettino della merenda che le mamme italiane preparano ai loro piccoli? Al primo posto frutta e yogurt (36.4%), poi gelato (25%), una merendina (23%), un dolce fatto in casa (17%). Le mamme italiane non sono abitudinarie e dichiarano di variare il più possibile la merenda. In media, poi, predispongono merendine confezionate solo 3 volte alla settimana (solo l'8% delle mamme italiane le usa più spesso). Il rapporto con i prodotti da forno confezionati non è univoco: ci sono mamme contrarie (il 40% del campione), mamme fan delle merendine soprattutto per il loro valore nutritivo e perché sono igienicamente pratiche e sicure. Un parte del campione, pari al 30% delle intervistate, assume invece un atteggiamento pragmatico: merendine sì, ma con moderazione.

Il 45% dei bambini italiani mangia merendine confezionate una o due volte la settimana ma la metà delle mamme è ancora convinta che si tratti di alimenti troppo calorici. Di fatto, contrariamente a quanto comunemente si pensi, una merendina confezionata contiene tra le 130 e le 170 kcal (quasi la metà di un trancio di pizza). Certo, bisogna poi considerare i grassi e anche i conservanti.

Non stupisce allora che le mamme, sempre alla ricerca di mezzi pratici ma anche sani per nutrire i bambini nella marea di impegni quotidiani tra casa  e lavoro, chiedano ai produttori merendine ancora più light, alleggerite dunque di zuccheri e grassi.

Su questa direzione sta procedendo la ricerca della grande distribuzione: entro il 2014 le aziende produttrici hanno annunciato un taglio ulteriore del 5% di calorie, grassi e zuccheri.


Iscriviti alla NEWSLETTER DI CUCINA inserendo il tuo indirizzo email