Bufala, fornitura a vita per Fiorello e Coldplay

di Simona Marchetti 

Il Consorzio per la Tutela e la Promozione della mozzarella campana Dop coglie l'occasione per rilanciare il prodotto (e farne omaggio ai protagonisti dello show)

Simona Marchetti

Simona Marchetti

ContributorLeggi tutti


Photo: Corbis

Photo: Corbis

Dici bufala e pensi subito ad una notizia inventata anziché alla celebre mozzarella. Un'associazione a prova di vocabolario che però il Consorzio per la Tutela e la Promozione della Mozzarella di Bufala Campana Dop ha deciso di scardinare, lanciando una sfida nientemeno che a Fiorello, che proprio durante la seconda puntata del suo show acchiappascolti (12 milioni di telespettatori anche ieri sera) "Il più grande spettacolo dopo il weekend", è incappato nel tradizionale scivolone linguistico quando ha chiesto ai Coldplay se fosse «una bufala» l'indiscrezione che voleva la band prossima alla separazione, sentendosi rispondere un ironico «mozzarella» dal leader Chris Martin.

Vero, la divertente battuta del cantante è la riprova di quanto popolare sia diventata la mozzarella campana nel mondo, ma anche la conferma di come la parola "bufala" sia ormai entrata nel gergo comune come sinonimo di "bugia".

Da qui l'idea del Consorzio di omaggiare i Coldplay con una fornitura a vita del prelibato prodotto dop, da richiedere ogni volta che arriveranno in Italia visto che si sono definiti grandi estimatori della mozzarella, e di invocare l'intervento di Fiorello (a cui verrà sempre donata una fornitura di bufala campana dop) per aiutare la lingua italiana a superare l'inghippo. «La fornitura di mozzarella è un dono simbolico ai Coldplay per ringraziare attraverso di loro tutte le star internazionali che negli ultimi anni hanno confessato il loro amore per la mozzarella di bufala - ha spiegato il presidente del Consorzio, Domenico Raimondo - mentre a Fiorello chiediamo di aiutarci a trovare un modo diverso per dire "bugia".

Del resto, quando assaggerà la nostra mozzarella capirà che non c'è nulla di più vero e reale». Ovvero, che non si tratta di una bufala, almeno a parole.


Iscriviti alla NEWSLETTER DI CUCINA inserendo il tuo indirizzo email