Impazzire per un paio di scarpe a tacco alto o per un nuovo modello di borsa. Il modo di vestire può rivelare lati nascosti della nostra personalità. Ecco l'interpretazione, e i consigli per trovare "il proprio stile", della psicoanalista Maria Pia Bobbioni

RISULTATI
 
zita 51 mesi fa

Quanto sopra non l'ho mai capito: Mi vesto in nero quando sono sfinita e vogio avere comunque una certa eleganza. Colori vivaci solo quando sto bene e ho la forza di portarli e corrispondergli, forza di ridere e scherzare, voglia di essere dinamica. Blu e azzurro quando voglio stare nella norma o quando sono serena. Visto che la teoria sopra esposta non mi è mai quadrata, mi sono persuasa che funziona al contrario: Non sono le frequenze fisiche che il colore rende all'esterno (e che io e gli altri vediamo) che contano, nel vestire contano le frequenze che il colore trattiene, e il nero le trattiene tutte! Gli altri colori trattengono il loro coplementare. Quindi se vesto blu ho su di me le frequenze arancioni, se vesto rosso ho su di me le frequenze verdi, col bianco quasi nessuna, col nero quasi tutte.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).