Psiche

Come gestire le ansie da neo mamma

Dall'insofferenza per quel pianto continuo alla voglia di riprendere il tailleur e tornare in ufficio. Sì, l'arrivo di un figlio, come pure la sua attesa, può indurre a fare pensieri inaspettati e quasi allarmanti. Ma il più delle volte sono normali e vanno solo compresi e ridimensionati. Come? Lo abbiamo chiesto a due esperte dell'argomento, Giusy Mantione e Paola Castelli, due psicoterapeute romane - del Centro Clinico De Sanctis - che si occupano proprio di supportare le future e neo mamme (e i loro partner) attraverso un servizio di "Sostegno alla genitorialità".

RISULTATI
 

Ciao, Roberta! Probabilmente tua amica "beneficia" già del tuo supporto, e questo al di là delle parole che tu pensi di non riuscire a trovare a causa della tua inesperienza. Ci sono tanti modi per sostenere e confortare le persone alle quali vogliamo bene e a volte la nostra presenza e disponibilità all'ascolto valgono molto più di tanti bei discorsi... Servono anche i consigli, però (soprattutto quando diventi mamma così presto e ti ritrovi ad avere uno stile di vita molto diverso dalla tue coetanee). Ecco, su questo aspetto - più pratico - ti conviene come prima cosa aiutare la tua amica a parlarne, a sfogarsi, a non tenere tutto dentro. E poi invitala a chiedere aiuto a persone esperte (parenti, adulti di fiducia o anche professionisti del settore): senza vergognarsi! Piccola anticipazione: stiamo preparando un altro pezzo proprio sulla situazione che stai vivendo tu. Ossia su come aiutare un'amica che è appena diventata mamma! Perciò, rimani sintonizzata su Style.it! ;-)

Cara Roberta, ci scusiamo per il ritardo nel risponderti: per disguidi tecnici abbiamo visualizzato solo ora il tuo messaggio. A brevissimo ti risponderà l'autrice del servizio. Grazie.

Roberta 70 mesi fa

Mi rivolgo a Voi per un consiglio. La mia migliore amica, ora diciannovenne, due anni fa ha avuto una bellissima bambina, che è naturalmente diventata il fulcro dei suoi pensieri e la priorità assoluta a cui donare amore. Anche se penso che sia normale, sono subentrati momenti di depressione dovuti alle difficoltà e alle costrizioni che la scelta di diventare mamma ha comportato. In questi momenti cerco di farle sentire che le sono vicina, tuttavia io, non essendo una mamma, mi sembra di non riuscire a comprendere completamente quello che prova ed aiutarla adeguatamente. Ecco perchè mi sono rivolta a Voi: mi chiedevo se potreste aiutarmi a trovare parole di conforto per questa giovane mamma che a causa della mia inesperienza in questo campo io non riesco a trovare. Grazie. Codiali Saluti Roberta

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).