Firenze, è tempo di Biennale!

04 dicembre 2009 
<p>Firenze, è tempo di Biennale!</p>

(nella foto, Marina Abramovic - Portrait with maracas)

Parte il 5 dicembre la settima edizione della Biennale Internazionale dell'Arte Contemporanea di Firenze, che ha come scopo quello di divulgare, senza barriere e pregiudizi economici, sociali, culturali, di corrente o di stile, la natura artistica di tutti i popoli del mondo: dal 2001 fa parte del programma delle Nazioni Unite "Dialogo fra le civiltà ".

Nello storico scenario della Fortezza da Basso, 800 artisti provenienti da 74 Paesi esporranno più di 2.000 opere per rintracciare tematiche comuni e confrontare le loro tecniche espressive.

Gli artisti parteciperanno all'interno di queste categorie: pittura, scultura, grafica, mixed media, installazioni, fotografia e arte digitale. Tanti gli eventi collaterali, i concerti, le conferenze e le performance organizzate: la Biennale ospiterà l'Ars Electronica Center di Linz, centro all'avanguardia nel campo dell'Arte Virtuale e di tutte le sue applicazioni, e consegnerà il prestigioso premio "Lorenzo il Magnifico" ai due artisti Gilbert & George con la gradita presenza del direttore delle esposizioni della White Cube Gallery di Londra, Tim Marlow.

L'8 dicembre Marina Abramovic riceverà il Premio alla carriera. Le informazioni sul regolamento e l'iscrizione per gli artisti sono disponibili sul sito della Biennale.

Info in pillole
Cosa: Biennale Internazionale dell'Arte Contemporanea di Firenze
Dove: Firenze, Fortezza da Basso, viale Strozzi 1. €10 intero / €8 ridotto
Quando: dal 5 al 13 dicembre 2009. Tutti i giorni 10.00-20.00
Info: www.florencebiennale.org
Ci piace perché: è bello respirare le culture di diversi Paesi in Italia attraverso l'arte


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).