W la pizza

11 dicembre 2009 
<p>W la pizza</p>

Ha dovuto superare abbondantemente il secolo di età per poter essere ufficialmente riconosciuta ma ora, uno dei simboli più caratteristici della tradizione italiana, può difendersi con maggior efficacia dai molti imitatori.

Ci sono infatti voluti 5 anni di burocrazia e pratiche ma finalmente ce l'ha fatta: la pizza napoletana ha ottenuto dall'Unione Europea la qualifica di Specialità Tradizionale Garantita.

Però potrà fregiarsi del titolo di verace pizza napoletana solo se seguirà fedelmente il disciplinare.

Si dovrà presentare come un disco dallo spessore centrale di circa 3 millimetri con un "cornicione" di 1 o 2 centimetri, essere arricchita di mozzarella STG o DOP, essere lavorata senza l'ausilio del matterello ed essere cotta nel forno a legna.

Inoltre, niente più lunghe indecisioni di fronte al menu, visto che ne sono ammessi solo tre tipi: la Marinara, la Margherita e la Margherita Extra.

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).