Protestare è un'arte (grafica)

11 dicembre 2009 
<p>Protestare è un'arte (grafica)</p>

Cartoni, graffiti, poster art: la grafica, linguaggio universale, viene da sempre utilizzata anche per scopi apertamente politici, vive nelle strade, dissidente e ribelle. The House of Love&Dissent, insieme ad Art Attack Adv ed alla Free Hardware Foundation, rende omaggio agli artisti che hanno fatto la storia recente della political graphics.

Graphic Roots of Revolution, mette in mostra a Roma (in via Leonina 85) fino al 20 gennaio 2010, le opere di Shepard Fairey, John Carr, Favianna Rodriguez, Winston Smith, Emory Douglas e altri. Totem di democrazia prodotti in serie e affissi maldestramente al muro o confezionati ad arte, questi poster di protesta arrivano diretti a tutti, così tanto da "consumarsi": solo poche copie sopravvivono.

Ulteriore approfondimento l'Artist'talk sabato 12 dicembre alle ore 18. Ospiti: Carol Wells, direttrice del Centro per la Grafica Politica di Los Angeles, John Carr, curatore della mostra internazionale pacifista Yo What Happened to Peace, Favianna Rodriguez, artista e attivista californiana, Winston Smith, decano delle controculture artistiche americane.

Info in pillole

Cosa: Graphic Roots of Revolution, mostra di grafica politica
Dove: Roma, The House of Love&Dissent, Via Leonina 85 (Rione Monti)
Quando: Opening mostra venerdì 11 dicembre ore 18.00 fino al 20 gennaio 2010, Artist'talk sabato 12 dicembre ore 18.00

Ci piace perché: celebra la protesta politica pacifica ricordandoci che è democratica e artistica

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).