I tratti di G.I.U.D.A

18 dicembre 2009 
<p>I tratti di G.I.U.D.A</p>

Il segno come gesto liberatorio. Il disegno come urlo di protesta. L'anticonformismo come arma: da un'idea di Gianluca Costantini, illustratore e fumettista di Ravenna di fama internazionale, la mostra-progetto alla galleria Miomao di Perugia presenta G.I.U.D.A., la nuova rivista monografica a scadenza semestrale illustrata e disegnata da artisti italiani e stranieri che è contenitore di riflessione sull'arte sequenziale.

Capostipite del Geographical Institute of Unconventional Drawing Arts, Costantini ha pensato ad un esperimento che fosse risposta provocatoria e arte allo stesso tempo. Fa da braccio destro all'ideatore il collettivo spagnolo El Cubri, nome ispiratosi al famoso regista Kubrick.

Il gruppo si è creato nei primi anni '70 come reazione agli anni del franchismo e nasconde le identità dello sceneggiatore Felipe Hernández Cava e dei disegnatori Saturio Alonso e Pedro Arjona che hanno realizzato diversi fumetti sperimentali e per molti anni sono stati responsabili come illustratori del quotidiano El Pais.

Tanti altri gli attori coinvolti nella produzione della rivista d'avanguardia: Armin Barducci, insegnante alla Scuola di Fumetto di Bolzano, Ciro Fanelli, fumettista di Urbino, Marco Lobietti, webdesigner e cartografo di Bologna, Rocco Lombardi, decoratore e illustratore, Angelo Mennillo, produttore multimediale e grafico, Robert Rebotti, direttore creativo e graphic designer e Alice Socal.

Info in pillole

Cosa: mostra collettiva di disegni-fumetti
Dove: Perugia, Galleria Miomao, via Podiani 19
Quando: 19 dicembre 2009-16 gennaio 2010 da martedì a sabato 15.00-20.00
Info: www.miomao.net

Ci piace perché
: attira l'attenzione grazie ad una provocazione intellettuale

(In foto: Gianluca Costantini, Copertina, "Giuda Iscariota" disegno da una foto di Lewis Carroll)

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).