Potere al colore

11 febbraio 2010 

È un omaggio alla forza del colore nell'arte la terza edizione di Cromaticos, mostra di breve durata nelle sale dell'Imbarcadero del Castello Estense. Gli artisti partecipanti, 18 in tutto, affrontano lo stesso tema con tecniche diverse: la scoperta delle possibilità del colore.

Se Peppino Campanella usa la luce e vetri colorati per creare oggetti unici, che si fanno colore solo in seguito all'intervento umano, le opere di Mimmo Legato sono tele dinamiche che riecheggiano il futurismo, con una comunicazione cromatica su diversi livelli: la tela è colore astratto ma anche donna sensuale.

Eleonora Musoni instaura un'intimità speciale fra spettatore e protagonista del dipinto mentre i colori si fanno spazio nella tela mentre per Jonathan Ted Pannacciò è geometria e colore sulla stessa superficie, ma non permette sfumature di sorta: come in un puzzle ogni colore ha il suo posto preciso.

Germana Tambara utilizza una pennellata dirompente, spiazzante, che tutto confonde e sovrasta con i suoi colori creando combinazioni sempre diverse, invece
Carmelo Viglianisi dà forma ai protagonisti delle tele esclusivamente attraverso il colore, e attraverso il colore li isola e li unisce.

Info in pillole

Cosa: Cromaticos - 3° edizione, collettiva d'arte contemporanea
Dove: Ferrara, Associazione Culturale Ferrara Pro Art (via del Turco 37a), Sale dell'Imbarcadero del Castello Estense
Quando: fino al 14 febbraio

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).