Scatti ribelli a Vienna

04 marzo 2010 
PHOTO OLIVIERO TOSCANI -

(Oliviero Toscani, Kissing Nun, 1992)

Indisciplinati. Si possono descrivere così gli scatti in mostra al Kunst Haus Wien fino al 20 giugno a Vienna. Le 100 immagini esposte per Controversies. The law, ethics and photography presentano allo spettatore la tensione che è sempre esistita nel mondo dell'arte fra censura immotivata e libertà d'espressione senza limite.

Tensione spesso alimentata dalla società o dalla legge, ed è da quest'ultima che parte la mostra: Il ritratto di Oscar Wilde di Napoléon Sarony (1882) è la prima fotografia  che, dopo diversi dibattiti, acquista un riconoscimento legale in qualità di opera d'arte.

Da qui si parte per analizzare numerose fotografie portate in tribunale a causa di dispute su diritti d'autore o sulla legittimità degli scatti.

C'è The Falling Soldier (1936) di Robert Capa, la prima fotografia che mostra al mondo intero il momento della morte. The Hand, 9/11 di Todd Maisel, è un pugno nello stomaco adesso e lo è stato in passato per tutti i giornali e le televisioni che avevano proibito la divulgazione di immagini che mostrassero i corpi senza vita delle vittime dell'11 Settembre.

In mostra anche la controversa quanto nota foto di Oliviero Toscani per la campagna pubblicitaria di Benetton e lo scatto di Frank Fournier a Omayra Sánchez, ragazzina intrappolata nel fango in seguito ad un'eruzione vulcanica in Colombia che morì di attacco cardiaco dopo due giorni di vani tentativi per liberarla.

È più importante documentare o provocare? È etico voler fare tutte e due le cose insieme? Chi pur di scattare la verità non aiuta nell'emergenza è da deprecare o da ringraziare per il suo ruolo di testimone? E soprattutto, fino a che limite ci si può spingere per premere il "grilletto" fotografico senza ledere la dignità umana?

La mostra non risolve certo questi interrogativi che sono nati insieme alla fotografia, ma ce li ricorda in punta di piedi: giudizio sospeso, fino al prossimo appello.

Info in pillole

Cosa: Controversies. The law, ethics and photography
Dove: Vienna, Kunst Haus Wien Museum, Untere Weißgerberstraße 13
Quando
: dal 4 marzo al 20 giugno, dalle 10 alle 19 tutti i giorni
Ingresso: intero 9 euro, ridotto 7 euro

Info: www.kunsthauswien.com

Ci piace perché: la mostra va ben oltre la qualità e l'originalità seppur meritevole delle immagini esposte: scatena interrogativi importanti oggi più che mai attuali.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sincera 81 mesi fa

rappresenta la realtà di sempre........................perchè nascondersi

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).