La ricerca del Paradiso di Blanquart

25 marzo 2010 
PHOTO ROMAIN BLANQUART@ROMAIN BLANQUART -

Romain Blanquart, nato in Francia ma cresciuto fra Tahiti e l'Italia, è un raccontastorie. Le sue immagini non si fermano mai, sono film a colori o in bianco e nero, pagine scritte da sfogliare. Sono talmente vere che chi scatta non c'è per davvero, nelle foto che fa: non c'è inganno immodesto né ombra. Su chi è ritratto non gravita, come spesso accade, l'ingombrante presenza della personalità del fotografo che vuole essere protagonista tangibile pur senza essere visibile.

Romain Blanquart è un mago. Parla delle persone semplicemente ascoltandole. Le ascolta così tanto che, alla fine, sono loro a parlare attraverso i suoi occhi. Proprio come ha fatto per questo progetto, Recherche du Paradis (a Milano alla Galleria Studiò di Giovanna Simonetta fino al 24 aprile): Blanquart è tornato ad Haiti per chiedere a locali ed amanti del luogo cosa fosse per loro il paradiso, loro che il paradiso, si dice, lo abita(va)no già.

Le risposte? Sono i loro volti. E i loro pensieri: prova concreta di vita vissuta, sono segni lasciati in diverse lingue e con diversi inchiostri sulle stampe dei ritratti in bianco e nero in mostra per la prima volta a Milano alla Galleria Studiò di Giovanna Simonetta fino al 24 aprile.

Scaturiti dai due progetti Paradis e Obamanation, serie che affronta ancora una volta scrutando le persone il fermento politico dell'elezione ufficiale di Obama come Presidente degli Stati Uniti, questi scatti spingono a chiederci qual è il nostro paradiso e probabilmente cosa stiamo facendo per guadagnarcelo.

Romain Blanquart è soprattutto un uomo. I suoi lavori sono profondamente legati a temi sociali e fanno riflettere sulla condizione umana, coinvolgendo chi guarda in un dibattito interiore spesso scomodo da affrontare.

L'arte, a volte, deve fare anche questo.

Info in pillole

Cosa: Recherche du Paradis, mostra di Romain Blanquart
Dove: Milano, Galleria Studiò di Giovanna Simonetta, via Poerio 2
Quando: dal 27 marzo al 24 aprile, tutti i giorni dalle 10 alle 19, sabato e domenica su appuntamento

Info: www.giosimoarte.it

Ci piace perché: è intellettualmente provocatoria

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
jessica 81 mesi fa

Era una bella mostra. Grazie.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).