William Klein racconta Roma

19 aprile 2010 

Ai Mercati di Traiano di Roma fino al 25 luglio William Klein ci racconta con 60 grandi fotografie in bianco e nero la sua Roma (1956-1960) in una mostra inedita così evocativa che sembra una favola (o un film).

C'era una volta la Roma della Dolce Vita. E di Pasolini, Flaiano, Moravia, Fellini. Correvano gli anni Cinquanta e l'aria e l'Italia e l'atmosfera culturale avevano un sapore diverso. Così diverso che un William Klein ventottenne, fotografo, pittore e grafico accetta da New York, senza farselo ripetere due volte, l'invito a Roma di Fellini per il ruolo di aiuto regista del suo nuovo film, Le notti di Cabiria.

Già forte del successo del suo libro-diario fotografico Life is Good & Good for You in New York, Klein ritrae una Roma nostalgica, bellissima, poetica. Queste immagini diventano le protagoniste di un libro pubblicato da Feltrinelli nel 1958, accompagnate da racconti di amici, aneddoti curiosi e appunti di viaggio.

Dopo cinquant'anni ecco la mostra che rende omaggio al libro e a questo lavoro che è una dichiarazione d'amore per la capitale italiana. Le fotografie, che non sono mai state esposte al pubblico tutte insieme, parlano di un'epoca d'oro mai dimenticata, ma questi scatti rinverdiscono i ricordi, i volti, i luoghi più emblematici della città tra momenti quotidiani che sarebbero passati altrimenti inosservati, come le domeniche a Ostia, e scene dal set che fanno sognare.  


Info in pillole

Cosa: William Klein, Roma, Fotografie 1956-1960
Dove: Roma, Mercati di Traiano, Musei dei Fori Imperiali, via IV Novembre 94
Quando: dal 14 aprile al 25 luglio, da martedì a domenica dalle 9 alle 19 chiuso il lunedì

Ingresso: intero 8 euro, ridotto 6 euro

Info: www.mercatiditraiano.it

Ci piace perché: in queste immagini si respira un'atmosfera magica che è una miscela di eternità e nostalgia.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).